Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute La ginastica come scelta terapeutica

Il Tai Chi contro la fibromialgia

Meno impegnativo a livello fisico della ginnastica aerobica, il Tai Chi sembrerebbe essere più efficace tanto sui sintomi fisici quanto su quelli psicologici della fibromialgia

4 di 5
Il Tai Chi contro la fibromialgia iStock

La fibromialgia è una comune forma di diffuso dolore muscoloscheletrico e di affaticamente che colpisce circa 1,5/2 milioni di italiani (il 2/4% della popolazione mondiale). Si tratta di una sindrome non sempre facile da diagnosticare, dato che taluni dei suoi sintomi sono riscontrabili anche in altre condizioni cliniche. Il trattamento della fibromialgia può provedere opzioni farmaceutiche, la cui efficacia varia tuttavia da soggetto a soggetto, così come il ricorso all’attività fisica: svolgere, con regolarità, esercizi aerobici può aiutare ad alleviare i sintomi in un alto numero di pazienti; tuttavia tali esercizi possono risultare difficili da seguire in periodi di riacutizzazione della malattia. Per questi motivi, da tempo si valuta l’efficacia terapeutica del Tai Chi: un'antica arte marziale cinese che, nata come sistema di autodifesa, si è trasformata nel corso dei secoli in una forma di ginnastica per la salute ed il benessere psicofisico. Meno impegnativo a livello fisico della ginnastica aerobica, e potenzialmente efficace tanto sui sintomi fisici quanto su quelli psicologici della fibromialgia, il Tai Chi è l’opzione consigliata anche da un recente studio eseguito da un gruppo di esperti appartenenti a diverse università americane e pubblicato sul British Medical Journal. 

La ricerca statunitense ha coinvolto ben 226 malati di fibromialgia, configurandosi dunque come lo studio più vasto mai realizzato. Metà dei pazienti, nel corso di 6 mesi, ha seguito la tradizionale ginnastica composta da esercizi aerobici; mentre i restanti partecipanti sono stati divisi in 4 gruppi di intervento basati sul tai chi, differenziati da una diversa durata e una diversa frequenza delle sedute terapeutiche. Ciascun paziente è stato monitoratio attraverso un questionario di auto-valutazione dei sintomi della fibromialgia così che, al termine della sperimentazione, i ricercatori potessero comparare l’efficacia dei differenti interventi. Ebbene, come previsto il Tai Chi si è rivelato la migliore terapia: capace di migliorare la qualità di vita dei malati molto più della tradizionale ginnastica aerobica, sia sul piano fisico sia su quello psicologico. Qualora ci si concentri unicamente sui diversi gruppi di Tai Chi, emergono alcune differenze: chi aveva partecipato a un corso di 24 settimane evidenziava risultati migliori rispetto a chi aveva frequentato un programma di sole 12 settimane, ciò dimosterebbe che la durata del trattamento è una delle chiavi della sua efficacia; diversamente dalla frequenza, dato che non sono emerse differenze tra coloro che avevano praticato la ginnastica cinese due o tre volte a settimana.

Pubblicato il: 29-03-2018
Di:
FONTE : The British Medical Journal

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.