Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Salute e alimentazione

Digiunare a intermittenza per migliorare la salute

Secondo uno studio americano digiunare di tanto in tanto favorisce l'apprendimento, migliora la memoria e accresce l'attività cerebrale

4 di 5

Mangiare poco o mangiare molto? Gli eccessi a tavola, come si sa, fanno sempre male alla salute. La via di mezzo che, secondo un recente studio dello statunitense National Institute of Aging, sarebbe la scelta ottimale che potrebbe aiutarci a vivere meglio è il ‘digiuno intermittente’, i cui effetti benefici si riscontrerebbero principalmente su cervello e memoria.

Secondo Mark Mattson, coordinatore del team che ha effettuato la ricerca, mettere a riposo il nostro sistema digestivo, evitando di mangiare per un breve periodo di tempo, produrrebbe effetti benefici sul nostro organismo: dai risultati è emerso, infatti, che quando non mangiamo il nostro corpo entra in una di modalità che potremmo definire ‘di sopravvivenza’, una condizione in grado cioè di allertare diverse funzioni, compresa quella cerebrale.

Per giungere a questa conclusione i ricercatori hanno alimentato alcuni topolini da laboratorio a giorni alterni, provocando la crescita di un elevato numero di neuroni e una maggior formazione di sinapsi. Il risultato è stato un apprendimento più efficace, un aumento della memoria e una maggiore attività cerebrale. A quanto pare gli effetti benefici si hanno perché ogni 10-14 ore di digiuno l’organismo esaurisce le scorte di glicogeno provenienti dal fegato, conseguentemente l’organismo è forzato ad attingere da altri fonti energetiche (un po’ come accade nella dieta chetonica): il che significa che i grassi verranno prelevati dalle cellule adipose. Questi grassi, una volta trasformati in chetoni, permettono una miglior stimolazione dell’attività cerebrale attraverso diversi meccanismi, il più importante dei quali è una maggior produzione di Brain Derived Neurotrophic Factor o BDNF: un fattore indispensabile per la salute delle cellule nervose.

Dato che, al momento, lo studio è stato condotto soltanto su modelli animali non è concesso sapere se quanto emerso possa valere realmente anche per l’essere umano, nonostante se vi siano forti evidenze che suggeriscono che anche per l’uomo il ‘digiuno intermittente’ possa essere di grande beneficio; di ciò, tuttavia, se ne avrà certezza solo grazie a futuri studi in grado di confermare la teoria.

Pubblicato il: 16-03-2018
Di:
FONTE : National Institute of Aging

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.