Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute La causa è da ricercarsi nei telomeri

Diventare mamme fa invecchiare precocemente

A seguito del parto, i telomeri della madre si accorciano mediamente del 4,2%, il che equivale ad un invecchiamento pari a 11 anni in termini di età biologica

4 di 5
Diventare mamme fa invecchiare precocemente Thinkstockphotos

Secondo un recente studio statunitense, condotto da un team di ricercatori della George Mason University (Virginia) e coordinato dalla dottoressa Anna Pollack, diventare mamma provocherebbe un considerevole invecchiamento cellulare. Ciò sarebbe dovuto ai telomeri, i ‘cappucci’ che avvolgono l’estremità del cromosoma proteggendolo dal deterioramento: più i sono lunghi telomeri e più le cellule sono da considerarsi giovani e longeve. Ebbene, quando si rimane incinte e si mettono al mondo dei figli si verifica una situazione piuttosto deleteria: i telomeri della madre si accorciano mediamente del 4,2%, il che equivale ad un invecchiamento pari a 11 anni in termini di età biologica.

I telomeri funzionano un po’ come i lacci delle scarpe, i quali sono dotati di punte plastificate allo scopo di evitarne gli sfilacciamenti. Allo stesso modo i telomeri evitano il danneggiamento dei cromosomi, allo scopo di impedire che i filamenti del DNA e le nostre cellule si alterino negativamente. Con il tempo, tuttavia, è inevitabile che ciò accada e quando si verifica molti sistemi potrebbero non essere più efficienti: tra questi il sistema immunitario e quello cardiovascolare. In sostanza, la lunghezza dei telomeri garantisce un invecchiamento rallentato; si capisce dunque perché lo studio americano rischia di far preoccupare notevolmente le donne che desiderano dare alla luce dei figli. Basti pensare che l’effetto della maternità sui telomeri è persino maggiore di quello di fumo e obesità, secondo quanto dimostrato da altre ricerche.

Lo studio americano, pubblicato sulla rivista scientifica Human Reproduction, ha preso in esame oltre 1500 donne (di cui 444 non avevano mai avuto un figlio) tra i 20 e i 44 anni attraverso un’indagine nazionale iniziata nel 1999 e terminata nel 2002. Tuttavia, è importante sottolineare che i risultati ottenuti sembrano avere dei limiti perché gli autori non hanno incluso informazioni importanti come l’indice di stress e altri fattori che potrebbero aver inciso sull’aumento dell’età biologica.

Pubblicato il: 28-02-2018
Di:
FONTE : Human Reproduction

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.