Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Provato per voi Pericoloso soprattutto per chi soffre di malattie cardiache

Tifare durante le partite mette sotto pressione il cuore

Mediamente le pulsazioni cardiache aumentano del 92%, passando da 60 a 114 al minuto, con picchi che si registrano soprattutto in occasione delle azioni più concitate e da gol

4 di 5
Tifare durante le partite mette sotto pressione il cuore Thinkstockphotos

Certo non è la prima volta che una ricerca scientifica evidenzia una correlazione fra la visione di un evento sportivo, in modo emotivamente partecipato, e un aumento dei rischi d'infarto e morte improvvisa, soprattutto se si e già affetti da patologie coronariche. La novità introdotta da un recente studio canadese sta nel fatto che gli adulti utilizzati come campione godevano tutti di ottima salute e non avevano mai sofferto di alcun tipo di malattia cardiaca. Ebbene, anche in questo caso, secondo i ricercatori dell'Università di Montreal, guardare le partite della propria squadra del cuore fa male proprio al cuore: lo studio, pubblicato sul Canadian Journal of Cardiology, ha infatti riscontrato un consistente aumento delle pulsazioni cardiache in alcuni soggetti, in buona salute, mentre assistevano a partite di hockey su ghiaccio - sia in tv, si allo stadio - con valori equiparabili allo stress cardiaco a cui viene sottoposto il cuore durante un esercizio fisico intenso o moderato.
L’esperimento è stato effettuato dagli studiosi misurando le pulsazioni dei soggetti mentre guardavano una partita dei Canadiens (la principale squadra di hockey di Montreal): è stato rilevato un aumento del 75% sulla metà del campione che era davanti alla tv e addirittura del 110% su coloro che erano allo stadio, coi battiti del cuore che sono rimasti per 39 minuti al di sopra della soglia della moderata attività fisica per i primi e per ben 72 minuti per i secondi. Facendo una media, gli studiosi hanno calcolato che le pulsazioni cardiache degli spettatori sono aumentate del 92% durante la partita, passando così da 60 a 114 al minuto, con picchi registrati soprattutto in occasione delle azioni da gol.
Dalla ricerca se ne deduce che, in casi come questi, causa dello stress emotivo non è necessariamente il risultato conseguito al termine del match dalla squadra per la quale si fa il tifo, ma anche semplicemente l’eccitazione provata durante tutta la partita, in particolar modo nel caso di azioni concitate. Se è vero che non sono stati riscontrari effetti dannosi nei soggetti sani testati, per coloro che già soffrono di problemi cardiaci guardare una partita può essere pericoloso, perché può causare intenso stress emotivo che può temporaneamente far aumentare i marcatori d’infiammazione e determinare un restringimento dei vasi sanguigni.

Pubblicato il: 16-10-2017
Di:
FONTE : Canadian Journal of Cardiology

© 2018 sanihelp.it. All rights reserved.