Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Uno studio tutto italiano

La percezione del cibo è determinata dal nostro nostro peso?

Chi è in sovrappeso presta una maggiore attenzione ai cibi elaborati e succulenti, mentre le persone sottopeso si dimostrano più orientate verso gli alimenti non processati, come frutta e verdura

4 di 5
La percezione del cibo è determinata dal nostro nostro peso? Thinkstockphotos

La rappresentazione mentale che ci formiamo degli alimenti, nonché la valutazione che ne diamo, sembrerebbero essere strettamente correlate al nostro peso corporeo: chi è in sovrappeso, infatti, pare prestare una maggiore attenzione ai cibi elaborati e succulenti; al contrario, le persone sottopeso si dimostrano più orientate verso gli alimenti non processati, come frutta e verdura. Questo è ciò che è emerso da un recente studio di un team di ricercatori coordinato dalla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa) e pubblicato su Biological Psychology. 

Per giungere a questa conclusione gli scienziati italiani hanno eseguito una serie di esperimenti su un gruppo di persone composto da alcune in sovrappeso, altre sottopeso, altre ancora normopeso. Combinando test comportamentali con un’elettroencefalografia, (un'indagine che misura l'attività elettrica del cervello) gli autori hanno potuto approfondire il modo con cui vengono valutati sia i cibi non processati sia quelli più elaborati: su uno schermo venivano mostrate immagini dei cibi anticipate da frasi associate a quel dato cibo, come ad esempio ‘ha un sapore dolce’ oppure ‘è particolarmente leggero’; contemporaneamente i ricercatori misuravano la risposta neurofisiologica allo stimolo, verificando tramite un parametro specifico, denominato N400, quanto le caratteristiche e le qualità contenute nella frase venissero associate, nel cervello dei partecipanti, all’alimento cui si riferiva la frase. 

Ciò che è stato rilevato, appunto, è che i soggetti in sovrappeso mostravano una maggiore attività cerebrale - ossia una maggiore attenzione - verso cibi elaborati, come dolci, pizza o pasta molto condita; diversamente, nelle persone sottopeso la risposta cerebrale era maggiormente sollecitata dalla vista di cibi più naturali e non elaborati, come verdura, frutta e pesce fresco. I ricercatori non hanno, tuttavia, saputo chiarire se questo fenomeno si presenti perché tali alimenti sono quelli che ciascuna categoria di soggetti consuma maggiormente nella propria dieta, o semplicemente perché i cibi di cui vengono maggiormente apprezzate le caratteristiche.

Pubblicato il: 02-10-2017
Di:
FONTE : Biological Psychology

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.