Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute È uno streptococco la causa principale della carie dentali

Ecco il vaccino contro la carie

Nei topi privi di carie il vaccino ha dimostrato una copertura del 64,2%, mentre negli esemplari con denti già cariati la copertura è stata del 53,9%

4.25 di 5
Ecco il vaccino contro la carie Thinkstockphotos

La carie può essere definita come una malattia infettiva che colpisce i tessuti duri del dente, cioè smalto e dentina. Origina, dunque, dalla superficie dei denti e può arrivare in profondità fino alla polpa dentale, presentandosi sotto forma di lesione cavitata. Principale causa della carie è un tipo di batterio - lo Streptococcus mutans - normalmente presente all’interno del cavo orale ma che tende ad accumularsi nella placca batterica, danneggiando così il dente. 

Una soluzione al problema, grazie alla quale si potrebbe forse un giorno dire addio ai temuti interventi del dentista, sembra giungere dalla cina: un team di scienziati cinesi dell’Istituto di Virologia di Wuhan sta, infatti, cercando di sviluppare un vaccino contro lo Streptococcus; i primi risultati della ricerca, promettenti, sono stati pubblicati su Scientific Reports. 

Il vaccino funziona utilizzando le proteine dello Streptococco le quali, combinate con quelle ottenute da ceppi di batteri Escherichia coli, si sono dimostrate efficaci nei test effettuati su alcuni topi di laboratorio nei quali il vaccino è stato somministrato per via nasale. Nei roditori privi di carie il vaccino ha dimostrato una copertura del 64,2%, mentre negli esemplari con denti già cariati la copertura è stata del 53,9%; il tutto senza effetti collaterali

Per poter disporre di questo vaccino si dovrà attendere ancora un po’ di tempo, dato che i ricercatori intendono condurre altri trial clinici prima di immetterlo sul mercato. Per il momento, dunque, i metodi di prevenzione della carie restano l’igiene orale - spazzolando i denti dopo i pasti (o comunque due/tre volte al giorno) e utilizzando filo interdentale ed, eventualmente, coluttorio - e la dieta alimentare - riducendo il consumo di cibi zuccherini o acidi, i quali possono causare l’erosione dello smalto, uno dei principali fattori di insorgenza delle carie. Ultimo consiglio riguarda il calcio: si tratta di un minerale fondamentale per mantenere i denti forti e in grado di prevenire le carie; è possibile assumerlo mangiando alimenti che lo contengono ma che non producono acidità - condizione ideale per lo sviluppo dei batteri - ad esempio il sesamo, i broccoli e le mandorle.

Pubblicato il: 25-09-2017
Di:
FONTE : Scientific Reports

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.