Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Un minerale importante per il sistema nervoso

Alzheimer e magnesio: un possibile legame

La ricerca ha dimostrato che un eccesso o una carenza di magnesio si associano a un rischio di demenza superiore di circa il 30% rispetto a chi ha livelli normali

3.67 di 5
Alzheimer e magnesio: un possibile legame Thinkstockphotos

Il magnesio è elemento fondamentale per molte funzioni dell’organismo, in particolare per quelle legate al sistema nervoso; ed è proprio sul rapporto tra magnesio, sistema nervoso e cervello che si è concentrato uno studio di un team di scienziati dell’Erasmus University di Rotterdam, di recente pubblicazione sulle pagine della rivista scientifica Neurology. Secondo i ricercatori, guidati dalla dott.ssa Brenda Kieboom, livelli troppo alti o troppo bassi di magnesio accrescono il rischio di demenza o Alzheimer fino al 30%

Per giungere a questa conclusione sono stati raccolti i dati relativi a quasi 10 mila persone, con un’età media di 65 anni, che non soffrivano (e non avevano sofferto in precedenza) di demenza. Dopo averne misurato il livello di magnesio nel sangue, i ricercatori hanno seguito i soggetti per una media di otto anni, registrando i casi di demenza che si presentavano - in totale circa 800. A questo punto si è proceduto valutando se vi fosse una correlazione fra i livelli del minerale e la comparsa dei problemi cognitivi, tenendo conto anche di fattori che avrebbero potuto influenzare entrambi i parametri come il fumo di sigaretta, il consumo di alcol, la funzionalità renale o l’indice di massa corporea. L’analisi ha dimostrato che un eccesso o una carenza di magnesio si associano a un maggior rischio di demenza, come detto superiore di circa il 30% rispetto a chi ha livelli nella media.

Va detto che solo pochissimi partecipanti erano al di fuori della normalità: appena due avevano un eccesso oltre la soglia superiore, solo 108 registravano una concentrazione di minerale al di sotto del limite inferiore. Si tratta perciò di oscillazioni rimaste in un range ritenuto di norma accettabile, ma che comunque parrebbero associate a un aumento della comparsa di demenza.

Tra le possibili cause di una carenza di magnesio nell’organismo, i ricercatori hanno messo l’utilizzo di farmaci antireflusso e antiacido, nonché quello di diuretici; mentre tra gli alimenti consigliati come buone fonti di questo elemento vi sono: mandorle, anacardi, soia, fagioli neri, frumento, cereali integrali, spinaci e avocado.

Secondo i ricercatori saranno necessari altri studi per confermare questi risultati che, va sottolineato, non evidenziano comunque una relazione di causalità e presentano limitazioni, tra cui il fatto che i livelli di magnesio sono stati misurati una sola volta. 

Pubblicato il: 22-09-2017
Di:
FONTE : Neurology

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.