Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Nano-particelle dei pigmenti possono giungere ai linfonodi

Tatuaggi e possibili problemi al sistema linfatico

Le conseguenze riscontrate consisterebbero in un rigonfiamento cronico dei linfonodi che può dare origine persino ad alterazioni del sistema immunitario

4 di 5
Tatuaggi e possibili problemi al sistema linfatico Thinkstockphotos

Stando a un recente studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports ed effettuato da un team di ricercatori tedesci e francesi, i pigmenti impiegati per realizzare i tatuaggi liberano delle minuscole particelle che, viaggiando all’interno del corpo, riescono a raggiungere i linfonodi, con effetti e conseguenze ancora da verificare sino in fondo. Una scoperta che dovrebbe fare riflettere coloro che si tatuano, i quali spesso prestano molta attenzione alla scelta dei centri dove si utilizzano aghi sterili monouso, ma si disinteressano della composizione chimica dei colori che vengono impiegati. 

In effetti, sottolineano gli scienziati, ancora troppo poco si sa sulle potenziali impurità delle miscele di colore applicate alla pelle: la maggior parte degli inchiostri da tatuaggio contiene pigmenti organici, ma talvolta include anche conservanti e contaminanti quali: nichel, cromo, manganese e cobalto

Gli studiosi hanno analizzato, per mezzo di una particolare tecnica - la luce di sincrotrone (un tipo di radiazione elettromagnetica) - alcune immagini di campioni di pelle e linfonodi prelevate da soggetti tatuati. Nella maggior parte dei casi ciò ha permesso di notare la presenza di minuscole particelle liberate dai pigmenti di colore. Inoltre, tramite la tecnica della fluorescenza a raggi x, il team di ricercatori ha individuato il biossido di titanio (nelle rispettive versioni micro e macro) nella pelle e nell’ambiente linfatico.

Se già si sapeva che che i pigmenti dai tatuaggi vanno nei linfonodi, che si colorano del colore del tatuaggio, per la prima volta si scopre che ciò avviene anche a livello di nano-particelle. Al momento, le conseguenze riscontrate consisterebbero in un rigonfiamento cronico dei linfonodi: l’infiammazione del sistema linfatico è qualcosa che in genere si risolve da sé, ma se si parla di cronicità allora si può andare incontro a possibili alterazioni del sistema immunitario

Il prossimo passo consisterà nell’analizzare altri campioni di soggetti che hanno subito reazioni avverse dopo il tatuaggio e verificare eventuali collegamenti con proprietà chimiche e strutturali dei pigmenti impiegati per realizzarli.

Pubblicato il: 13-09-2017
Di:
FONTE : Scientific Reports

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.