Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Dubbi su eventuali conseguenze a lungo termine

Manipolare il DNA: in Cina primi test sull'uomo

Una pratica rischiosa e ricca di incognite, di natura etica e biologica: un esperimento condotto negli USA ha consentito ad alcune cavie di riottenere la vista, producendo però numerose mutazioni genetiche. Tuttavia in Cina presto partirà uno studio per disinnescare i geni del Papilloma virus che scatenano il tumore al collo dell'utero

3.5 di 5
Manipolare il DNA: in Cina primi test sull'uomo Thinkstock

Si chiama Crispr-Cas9 ed è la tecnica, cosidetta di taglia e cuci, grazie alla quale si riesce attualmente a modificare il DNA con una precisione e una facilità impossibili da ottenere mediante altri tipi di manipolazione genetica. Tuttavia, stando a quando emerso da un recente studio, eseguito da un team composto da ricercatori di tre università americane - il Columbia University Medical Center, la University of Iowa e la Stanford University - e pubblicato su Nature Methods, i rischi di mutazioni genetiche indesiderate sarebbero ancora troppo alti e pericolosi per potersi affidare pienamente a questa tecnica innovativa.

Gli scienziati americani hanno effettuato un esperimento che ha consentuto di correggere un difetto genetico responsabile della cecità di alcuni topolini. Purtroppo però l’intervento di taglia e cuci sul DNA dei roditori ha, al tempo stesso, prodotto mutazioni genetiche off target, ossia fuori bersaglio, in quantità decisamente superiore a quanto ci si attendeva.

Nello studio è stato usato un controllo, per confrontare le mutazioni spontanee, in un topo sano, con quelle indotte dalla Crispr-Cas9; ne è risultato che queste ultime sono presenti in quantità preoccupante: oltre 1.500 di ogni nucleotide, cioè della singola ‘lettera’ del DNA, e più di 100 delezioni o inserzioni.

I topolini, nonostante le mutazioni rilevate, appaiono comunque in buona salute; il che non esclude possibili conseguenze nel futuro, per esempio che alcune di queste mutazioni indotte scatenino forme tumorali.

Nonostante ciò, la Cina si sta apprestando a sperimentare, per la prima volta sull’uomo, la tecnica di editing genomico Crispr-Cas9. Il nuovo trial dovrebbe partire a luglio, con l’obiettivo di disinnescare i geni del Papilloma virus (Hpv) che causano l’insorgenza di tumori al collo dell’utero. Si tratta, comunque, soltanto di una delle circa venti sperimentazioni mediante tecnica di taglia e cuci in programma in varie parti del mondo; mentre finora le applicazioni cliniche prevedevano interventi solo su cellule in vitro, cioè in provetta. Tuttavia i dubbi, manifestati appunto anche dalla ricerca pubblicata su Nature Methods, restano e preoccupano buona parte del mondo scientifico.

Pubblicato il: 13-06-2017
Di:
FONTE : Nature Methods

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.