Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Vista un bene prezioso, anche durante l'attività sportiva

Chi ha problemi di vista può ritenere gli occhiali un impiccio mentre si allena: le soluzioni per fare sport e vedere bene, però, non mancano

3.5 di 5
Vista un bene prezioso, anche durante l'attività sportiva Thinkstock

Vedere bene aiuta a vivere meglio: di sicuro i problemi alla vista peggiorano la qualità della vita eppure stando ai dati statistici disponibili circa il 40% dei cittadini, non si reca regolarmente dall'oculista e quasi il 20% degli adulti indossa una correzione visiva non più adeguata alle proprie necessità; inoltre il 66% degli italiani ha difetti visivi e non ne è consapevole.

L’uso degli occhiali, poi, può sembrare un vero e proprio impiccio quando si fa sport, ma è sbagliato pensare che basti indossare delle lenti a contatto per fare qualunque tipo di attività fisica.

In generale è bene sapere soprattutto per quanto riguarda le lenti a contatto, che chi pratica nuoto dovrebbe sempre usare gli occhialini per il nuoto; può indossare anche le lenti a contatto che però vanno tolte immediatamente se si avvertono disturbi.

Chi pratica regolarmente jogging o equitazione deve sapere che il contatto con l’aria può determinare secchezza oculare e irritazione quando si portano le lenti a contatto; il problema si può minimizzare indossando occhiali protettivi.

Proprio perché i risvolti circa l’uso di occhiali e lenti a contatto sono tanti e poco conosciuti quando si fa sport, durante Rimini Welnlness, la più grande fiera dedicata al benessere al fitness e allo sport che si svolgerà dal 1 al 4 giugno 2017, gli esperti medici oculisti e ottici volontari che afferiscono all’associazione Commissione Difesa Vista Onlus, che si occupa di sensibilizzare i cittadini sui rischi derivanti da una scarsa attenzione alla salute degli occhi, allestiranno uno stand dedicato (al padiglione C3) dove sarà possibile effettuare degli screening gratuiti della vista rivolti agli oltre 300mila visitatori attesi.

Tutti gli sportivi dovrebbero sapere quindi, che in base allo sport praticato e al difetto visivo eventualmente presente, ci sono tante possibilità di intervento: in questo senso è bene sottolineare come grazie a tecniche all’avanguardia spesso si può risolvere il difetto visivo alla base e vedere bene anche senza l’utilizzo di ausili come lenti a contatto o occhiali.

Nel campo della ricerca oculistica i margini di miglioramento davvero non mancano come suggerisce il recente premio Cottino Applico per l’oftalmologia, assegnato al dottor Alfonso Iovieno, che ha ricevuto 100mila euro per trasformare il suo progetto di ricerca in impresa.

I soldi del premio, infatti, serviranno a realizzare e a mettere dunque sul mercato, un dispositivo semplice e innovativo che facilita l’esecuzione di interventi di trapianto corneale lamellare.

È stato dimostrato che questa tecnica di trapianto comporta un miglioramento del risultato clinico nel medio/lungo periodo, con conseguente maggior beneficio per i pazienti e risparmi a livello sanitario.

Il dispositivo in questione, vero protagonista del progetto di ricerca vincitore, riduce significativamente la dipendenza dell’esito dell'intervento dal solo fattore umano e permetterà a un più ampio numero di chirurgi, di poter eseguire tale delicata e difficile tecnica operatoria, in maggior sicurezza.

Pubblicato il: 31-05-2017
Di:
FONTE : Redazione

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.