Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Il potere dell'orgasmo

Fare sesso dà piacere per ben due giorni

Secondo uno studio americano, il benessere che proviamo dopo un rapporto si protrae per almeno 48 ore, secondo un fenomeno definito come «Afterglow»

4 di 5
Fare sesso dà piacere per ben due giorni Thinkstock

Stando ad un recente studio di un team di psicologi, il piacere che proviamo durante il rapporto sessuale si protrae ben oltre la durata dell’atto; esso, infatti, ci avvolgerebbe facendoci provare una sensazione di benessere per altre 48 ore: si tratta dell’«Afterglow» (traducibile come 'bagliore residuo'), così l’hanno chiamato gli esperti.

I ricercatori, guidati da Andrea Meltzer della Florida State University, spiegano tramite un articolo pubblicato su Psychological Science, di aver misurato questo benessere in termini di appagamento sessuale e soddisfazione della relazione di coppia, ma anche di contentezza per la vita in senso più generale.

Per giungere a queste conclusioni lo studio ha preso in esame 214 coppie americane appena sposate: per due settimane, sia gli uomini sia le donne hanno compilato un questionario, indicando quanti rapporti sessuali avevano avuto e rispondendo a una serie di domande sia sulla qualità della loro relazione di coppia sia sulla soddisfazione per la propria vita in generale.

Emmanuele Jannini, docente di sessuologia all’Università Tor Vergata di Roma, spiega che «l’atto sessuale ha effetti molto forti sull’organismo. L’ipotalamo produce endorfina, molecola che è sinonimo di benessere; dopamina, l’ormone che va di pari passo sia con l’eccitazione sessuale sia con l’innamoramento; testosterone, sostanza che dà energia positiva; infine ossitocina e vasopressina: ormoni che hanno la funzione di cementare la coppia».

Purtroppo però, ripetendo i test dopo sei mesi, ne risultava che l’intensità dell’afterglow e la soddisfazione per la relazione di coppia erano complessivamente diminuiti. «Ciò è però giustificabile dal punto di vista adattativo - conclude Jannini - quando si è innamorati è come se il nostro motore girasse a ritmi altissimi. Non è possibile, tuttavia, pensare di poter marciare a lungo a pieni giri, perché il viaggio è lungo: per arrivare a destinazione dobbiamo dunque adattarci presto a un regime normale». Inoltre, sarà un caso, ma l’afterglow svanisce dopo due giorni, ossia esattamente il tempo che impiegano gli spermatozoi per riformarsi in quantità necessaria a massimizzare le possibilità di fecondazione.

Pubblicato il: 24-03-2017
Di:
FONTE : Florida State University, Psychological Science

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.