Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Geni quasi tutti ereditati dalla madre

Scoperti i geni della calvizie

Sono quasi 300 le regioni genetiche associate al problema, e non solo una manciata come creduto finora: a stabilirlo uno studio dell'Università di Edimburgo. Una scoperta che ha permesso agli scienziati di sviluppare una formula che permette di stabilire la probabilità di alopecia

4 di 5

La calvizie è un problema più complesso del previsto: i geni umani che controllano la resistenza dei capelli alla caduta non sono solo una manciata, come si credeva, ma quasi 300, in buona parte trasmessi per via materna.  La scoperta - che potrebbe permettere lo sviluppo di nuovi farmaci contro questa condizione e, in prospettiva, di identificare per tempo i soggetti a rischio calvizie - si deve a un team di ricercatori dell'Università di Edimburgo, il cui studio è stato recentemente pubblicato su PLoS Genetics.

Per giungere a questa conclusione, gli scienziati hanno sequenziato il genoma di 52 mila soggetti; dopodiché hanno posto in correlazione i risultati ottenuti con l’eventuale presenza di calvizie, un metodo già noto come »associazione genoma-wide». Così facendo, il team scozzese ha individuato 287 regioni genetiche legate alla calvizie. Dal punto di vista pratico, poiché sarebbe troppo costoso effettuare un'analisi completa del genoma di un soggetto che vorrebbe sapere se è geneticamente predisposto alla calvizie, i ricercatori hanno sviluppato una formula che permette di stabilire la probabilità dell'insorgenza della calvizie in funzione della presenza o assenza di un numero abbastanza ristretto di marcatori genetici particolarmente significativi. Purtroppo la formula è efficace solo nell’identificazione di sottogruppi di popolazione per i quali il rischio di perdita di capelli è particolarmente elevato, dunque la possibilità di fare una previsione accurata per un singolo individuo resta ancora lontana.

«Il nostro studio - ha dichiarato Riccardo Marioni, uno degli autori - è il più grande lavoro genetico per la comprensione della calvizie maschile e non ci stupisce il fatto di aver trovato così tanti geni associati al problema». Inoltre, i dati indicano che molti di questi geni si trovano nel cromosoma X, un cromosoma che gli uomini ereditano dalla madre: «dunque sono i geni della madre - ha aggiunto Marioni - quelli che forniscono un contributo considerevole alla calvizie».

Pubblicato il: 22-02-2017
Di:
FONTE : Università di Edimburgo, PLoS Genetics

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.