Expo 2015

Expo 2015

Speciale nutrire il Pianeta
Vai allo speciale

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Gli integratori del futuro

Prevenire infarti e ictus? Si può, grazie agli insetti

Ottime fonti di acidi grassi polinsaturi e di sostanze che combattono sia ipertensione arteriosa che colesterolo, a impatto zero sull'ambiente e a basso costo di produzione: secondo la CREA, sarebbero questi i grandi vantaggi degli integratori a base di Camola della farina e Camola del miele

3.6 di 5
Prevenire infarti e ictus? Si può, grazie agli insetti Thinkstock

Si chiama Insect Card ed è un progetto, finanziato dalla Regione Toscana e a cui partecipa il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), che ha come obiettivo evidenziare le potenzialità degli insetti nella prevenzione delle patologie cardiovascolari. Per prevenire tali malattie, sostiene CREA in un comunicato, un integratore a base di insetti «conviene all’ambiente, al portafoglio e alla salute»; infatti, continua il comunicato «rispetto ai prodotti similari attualmente in commercio, sia di origine vegetale (per esempio la soia), sia di origine animale (pesci), gli allevamenti degli insetti non comportano inquinamento ambientale, gestione di rifiuti organici, scarti di produzione inquinanti, consumo di acqua, impiego di pesticidi e fertilizzanti e per di più occupano spazi molto contenuti. Inoltre, i composti benèfici, cioè gli acidi grassi polinsaturi e i peptidi ad azione anti-ipertensiva, sono estratti direttamente dagli insetti superando la nostra resistenza culturale al loro consumo alimentare. Infine, ma non meno importante, i bassi costi di produzione si traducono in un prezzo decisamente competitivo».

Gli scienziati si sono concentrati su due tipi di insetti: la Camola della farina e la Camola del miele, dato che entrambe sono state recentemente inserite dall’EFSA (2015) tra quelle potenzialmente allevabili nei Paesi dell’Unione Europea per il consumo sia umano che animale. Secondo le indagini condotte sino ad ora, entrambe le specie presentano un contenuto soddisfacente di acidi grassi essenziali, fondamentali per la salute ma che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare da solo. La Camola della farina offre inoltre la possibilità di purificare e caratterizzare peptidi ACE-inibitori, sostanze molto efficaci nella terapia dell’ipertensione arteriosa, del post-infarto del miocardio e dell’insufficienza cardiaca cronica.

Infine, i ricercatori assicurano anche per ciò che concerne il colesterolo: «entrambe le specie - sottolinea il CREA - presentano un basso valore di colesterolo, un’ulteriore caratteristica che rende gli insetti studiati fonti alimentari di qualità, ideali da utilizzare come integratori di acidi grassi nella dieta umana».

Pubblicato il: 21-02-2017
Di:
FONTE : CREA

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.