Expo 2015

Expo 2015

Speciale nutrire il Pianeta
Vai allo speciale

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Mai sottovalutare quello che accade nella nostra bocca

Denti che cadono come indice dell'aspettativa di vita

Il numero dei denti che perdiamo come fattore predittivo degli anni che ci restano: questa è l'ipotesi di un gruppo di ricercatori della Gran Bretagna. Dalla ricerca è emerso che chi a 74 anni possiede ancora tutti i denti ha maggiori probabilità di arrivare a cento anni

4 di 5
Denti che cadono come indice dell'aspettativa di vita Thinkstock

Un’interessante ipotesi giunge dalla Gran Bretagna, dove un team di ricercatori sostiene una stretta correlazione tra la salute del cavo orale negli esseri umani e la loro aspettativa di vita. Secondo gli scienziati, infatti, la maggiore o minore perdita di denti, che fisiologicamente avviene nel corso della terza età, potrebbe essere interpretato come fattore predittivo degli anni che ci restano da vivere. A stabilire la correlazione è un interessante studio pubblicato sulla rivista Periodontology 2000 e coordinato da Paula K. Friedman ed Ira B. Lamster della Columbia University, con il patrocinio della britannica Oral Health Foundation.

Secondo i dati raccolti dai ricercatori è risultato che, per esempio, le persone che all’età di 65 anni hanno già perso cinque o più denti, presentano maggiori probabilità di soffrire di problemi di salute e, di conseguenza, un maggiore rischio di morte prematura; di contro, chi a 74 anni possiede ancora tutti i denti ha maggiori probabilità di arrivare sino a cento anni.

Ma a quali malattie vanno più incontro coloro i quali hanno meno denti in bocca? Secondo gli autori dell’indagine, le malattie sono quelle cardiache e cardiovascolari, il diabete, l’osteoporosi e altre. In sostanza, avere pochi denti in bocca è sintomo che qualcosa nell’organismo non funziona come dovrebbe. «Ci sono molte ragioni per cui qualcuno può perdere i denti - ha dichiarato il dottor Nigel Carter, di Oral Health Foundation - ciò può dipendere da traumi, dal fumo o semplicemente da una scarsa igiene orale protratta nel tempo; ma la perdita di denti può essere anche indizio di malattie gengivali, che sono strettamente legate ad altre condizioni cliniche come patologie cardiache e diabete».

Parallelamente alla qualità dello stile di vita, la qualità della dentatura è determinante nel ridurre o nell’aumentare il rischio di sviluppare determinate malattie. Il monito degli esperti è: «mai sottovalutare quello che sta accadendo nelle nostre bocche, potrebbe essere un segno che preannuncia qualcosa di più serio». Ad ogni modo, e qualunque sia la ragione per cui si perdono i denti, gli autori della ricerca indicano che si tratta di un fenomeno da non sottovalutare assolutamente. Per allontanare il rischio della cosiddetta edentulia totale o parziale, il suggerimento è di lavarsi i denti almeno un paio di volte al giorno, ridurre l'assunzione di cibi e bibite zuccherate e sottoporsi a visite di controllo periodiche.

Pubblicato il: 20-02-2017
Di:
FONTE : Periodontology 2000, Columbia University, Oral Health Foundation

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.