Expo 2015

Expo 2015

Speciale nutrire il Pianeta
Vai allo speciale

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Prevenzione

Vuoi un cuore da campione?

Lo vuoi grande, generoso, allenato, ben curato e anche ben alimentato. Come puoi fare? Lo abbiamo chiesto ad alcuni esperti di Aquasalis e Fondazione Cardioteam Onlus che ci hanno fornito 10 consigli per mantenerlo al top

3.38 di 5
Vuoi un cuore da campione? pixabay

Vuoi un cuore da campione? Lo vuoi grande, generoso, allenato, ben curato e anche ben alimentato. Come puoi fare? La prevenzione sta anche e soprattutto nei gesti. E nelle abitudini. In quegli atteggiamenti ormai automatici che si compiono quando ci si siede a tavola, per mangiare. Mangiare e non alimentarsi, perché già qui c’è una bella differenza.

Ma andiamo per gradi. Ci mettiamo a tavola e appena ci troviamo di fronte ad una pietanza o anche alla nostra insalatona cosa facciamo? Giù col sale. A gogo. Primo grande errore.

Sentiamo gli esperti: «Alimentazione a ridotto apporto di sodio, vitamine, frutta e verdure crude per combattere i radicali liberi, semaforo rosso per grassi saturi e alimenti raffinati». Sono solo alcuni dei consigli della campagna di sensibilizzazione per la salute del cuore promossa da Aquasalis Gmbh, l’azienda svizzera che produce la prima soluzione salina spray naturale con il 75% in meno di sodio rispetto al sale in grani, in collaborazione con Fondazione Cardioteam Onlus, il cui staff medico opera da oltre 25 anni per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.
Ecco, una soluzione per evitare il gesto che fa male al cuore c’è: una spruzzatina di sale che non fa male ed è già iniziata la consapevolezza di errori quotidiani che diventano automatismi dannosi alla salute. Che a ben vedere, poi, di sapore e di sapidità ne abbiamo a iosa nel cibo disponibile, comprese le soluzioni per insaporire del tutto naturali: usando, ad esempio spezie ed erbe da cucina. Basta conoscerle o riscoprirle….Il gioco è fatto.

Marco Diena, presidente della Cardioteam Foundation Onlus ci spiega che «Uno dei maggiori fattori di rischio per infarto, ictus ed aneurisma è l'ipertensione arteriosa, ovvero la pressione alta nelle arterie, che vede nell’alimentazione ricca di sale una delle sue principali cause. Fino ad oggi noi medici abbiamo sempre consigliato di ridurre l’uso del sale in cucina, ma pochi dei nostri pazienti volevano rinunciare al gusto».

«Oggi con Aquasalis o soluzioni affini (ma non ce ne sono molte in commercio, ndr) si possono condire tutti i cibi in modo sano e naturale con la stessa sapidità del sale in grani, senza mettere a rischio la salute - puntualizza Enea Melchiori di Aquasalis Gmbh - si spruzza su tutti gli alimenti cotti e crudi e può essere utilizzato facilmente, con l’unica accortezza di condire gli alimenti lontano dalle fonti di calore».

Un gesto che cambia: spruzzare invece di salare. Ma soprattutto una consapevolezza all’errore e al prendersi cura della propria alimentazione. Quindi, non più solo mangiare… E se vuoi un cuore da campione, parti proprio da qui, da questi dieci consigli d’oro dei nostri esperti. Tutto cambia, basta iniziare. Per bene. Vai alla Gallery

Pubblicato il: 17-01-2017
Di:
FONTE : Ufficio Stampa Aquasalis: Action Agency S.r.l. Silvia Scrofani

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.