Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Una ripiegatura che parte dal pancreas e arriva al colon

Scoperto un nuovo organo nel corpo umano: il mesentere

Ciò che fino ad oggi per l'anatomia era ritenuta una struttura frammentata, una serie di membrane scollegate tra loro, sarebbe in realtà un organo indipendente, con funzioni proprie ancora da chiarire. La scoperta si deve ad un gruppo di ricercatori irlandesi

4.14 di 5
Scoperto un nuovo organo nel corpo umano: il mesentere Thinkstock

Chi avrebbe potuto immaginare che dopo secoli di studio del corpo umano si sarebbe potuti pervenire a una scoperta come questa? Ebbene, ciò che fino ad oggi era ritenuta una struttura frammentata, il mesentere, composta da molteplici parti con funzioni differenti, si è compreso essere in realtà un organo vero e proprio. Lo afferma uno studio pubblicato recentemente sulla sezione di gastroenterologia ed epatologia della rivista scientifica britannica The Lancet.

Tra i primi a descrivere il mesentere vi fu addirittura Leonardo Da Vinci, il quale lo rappresentava però come una serie di membrane scollegate tra loro, sparse nell’intestino; una rappresentazione mantenuta per secoli nei manuali di anatomia. A scompaginare tutto è stato un team di ricercatori dell'Università di Limerick coordinato dal chirurgo irlandese J. Calvin Coffey: «parlare di scoperta di un nuovo organo non è esatto - ha affermato Coffey - il mesentere è da secoli sotto i nostri occhi, semplicemente non ce ne eravamo mai accorti».

Ma cos’è precisamente un organo? Un organo è un’unità anatomica composta da diversi tessuti che si associano per svolgere specifiche funzioni utili all’intero organismo. Il mesentere è una ripiegatura del peritoneo - la membrana che ricopre l’interno dell’addome - ricca di vasi sanguigni, che parte dal pancreas e arriva al colon; secondo Coffey si tratta di un organo in quanto è una struttura indipendente con funzioni proprie. Quali siano queste funzioni, tuttavia, deve ancora essere verificato con certezza; inoltre, secondo lo studio, non è ancora chiaro se il mesentere vada inserito nell’apparato digerente, in quello circolatorio, in quello endocrino o in un altro ancora: «ora che abbiamo stabilito l’anatomia e la struttura del mesentere - sottolinea Coffey - non ci resta che determinarne la funzione, anche se riteniamo già che possa svolgere il ruolo di regolatore del flusso dei globuli bianchi nell’intestino. Se capisci come funziona saprai anche quando non funziona e, di conseguenza, le malattie che vi possono essere associate». Secondo il chirurgo, uno studio approfondito del mesentere potrebbe inoltre aiutare nella ricerca sul cancro al colon-retto, in quella sulla cura delle malattie infiammatorie croniche intestinali, del diabete e dell’obesità.

Pubblicato il: 05-01-2017
Di:
FONTE : The Lancet, Università di Limerick

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.