Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Livelli di acrilammide superiori a quanto consigliato

Valori anomali: sotto accusa alcune marche di patatine

Un gruppo di biologi ha riscontrato in alcuni tipi di patatine in sacchetto - Amica Chips Eldorada, Crocchias classiche terranica e Carrefour classiche - valori troppo elevati di acrilammide, sostanza ritenuta cancerogena

4 di 5
Valori anomali: sotto accusa alcune marche di patatine Thinkstock

Pur essendo uno degli snack preferiti, ciascuno di noi sa bene che le patatine fritte confezionate non sono propriamente uno degli alimenti più sani; chi avrebbe pensato, però, che potessero contenere una sostanza - l’acrilammide - potenzialmente tossica e cancerogena? E’ quanto emerso da una ricerca di un gruppo di biologi dello Studio Abr, i quali avrebbero rilevato la presenza di tale sostanza in quantità superiori ai valori consigliati.

L’acrilammide è un composto che si forma con le alte temperature e si sviluppa durante i processi di frittura, di cottura al forno o di cottura alla griglia. Molti studi hanno evidenziato che tale sostanza - così come il suo prodotto metabolico principale, ossia la glicidammide - può avere carattere neurotossico, genotossico e cancerogeno.

L'analisi eseguita dagli scienziati dell’Abr è stata compiuta su 6 campioni di patatine fritte confezionate a marchio italiano, ne è risultato che ben «3 marche su 6 presentavano concentrazioni di acrilammide superiori ai valori consigliati dalle Linee guida europee dell'Efsa. Pur ricordando che sull'acrilammide le normative Ue e nazionale non impongono valori limite ben definiti, come accade invece per altre tipologie di rischio microbiologico e chimico, le Linee guida dell'Efsa indicano dei parametri ben chiari da rispettare e che quindi sarebbe consigliato non superare (1.000 mcg/Kg). I dati riscontrati evidenziano un chiaro superamento dei valori rispetto a quanto raccomandato. Nello specifico, si tratta delle confezioni a marchio: Amica Chips Eldorada, Crocchias classiche terranica e Carrefour classiche. Invece i marchi Lays classiche senza glutine, Patasnack classica senza glutine e San Carlo 1936 sono risultati perfettamente in linea con le raccomandazioni» è quanto si legge nel rapporto dell’indagine.

Secondo i responsabili dello studio: «Sarebbe auspicabile, e sicuramente molto rassicurante, un intervento più deciso da parte dell'Ue, con nuove indicazioni che non siano solo delle linee guida, ma che risultino anche giuridicamente vincolanti, ossia dei limiti oltre i quali si viene sanzionati economicamente. In Italia siamo molto attenti alla sicurezza alimentare per ciò che concerne le criticità microbiologiche e chimiche; ma ancora troppo poco in merito a sostanze meno note ma comunque molto pericolose, come l’acrilammide, sulle quali probabilmente bisognerebbe porre una maggiore attenzione e vigilare meglio».

Pubblicato il: 16-12-2016
Di:
FONTE : Studio Abr

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.