Expo 2015

Expo 2015

Speciale nutrire il Pianeta
Vai allo speciale

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Un modo per rendere i giovani più autonomi e responsabili

I ragazzi non vanno dal medico? Ecco i voucher della salute

La proposta arriva direttamente dalla Società Italiana di Medicina dell'Adolescenza di modo da colmare il vuoto sanitario riguardante gli adolescenti sani, per cui il Sistema sanitario nazionale non prevede visite mediche

3.63 di 5
I ragazzi non vanno dal medico? Ecco i voucher della salute Thinkstock

Secondo i dati Istat del 2015, nel nostro Paese vi sono più di 300mila pazienti, tra i 15 e i 17 anni, che soffrono di almeno una patologia cronica (ossia circa il 20% del totale dei giovani); la maggior parte di questi (229mila) è affetto da malattie allergiche, mentre 24mila ragazzi soffrono di disturbi nervosi. Secondo gli esperti, nei prossimi 8 anni avremo circa 900mila giovani, di eta' compresa fra 15 e 22 anni, affetti da malattie croniche che necessiteranno di una presa in carico specifica ed adeguata da parte del Sistema sanitario nazionale.

Al di là dei numeri «ciò che preoccupa - dichiara Piernicola Garofalo, presidente della Società italiana di medicina dell'adolescenza (Sima) - è il fatto che esista una larga fascia di ragazzi sani per i quali il Sistema sanitario nazionale non prevede visite mediche. Il nostro intento è quello di sensibilizzare il Ssn, che non incentiva i ragazzi ad intraprendere un percorso di presa di consapevolezza della propria salute. Bisogna fornire ai giovani gli strumenti assistenziali, colmare questo vuoto sanitario». E’ dunque in questo senso che va la recente proposta lanciata dalla Sima, un’idea capace di far fronte alla necessità di cure degli adolescenti e in grado di privilegiare gli aspetti di prevenzione primaria, ponendo attenzione anche all'adolescente sano. Si tratta dei voucher della salute: un vero e proprio carnet di voucher da utilizzare per visite specialistiche in strutture convenzionate; siano esse quelle proprie del Sistema sanitario nazionale o di quello regionale, siano esse singole Asl, Azienda ospedaliere universitarie o assicurazioni sanitarie. L’importo di ciascun voucher dipenderà dal budget di chi abbraccia il progetto e così pure la durata, la quale potrebbe essere semestrale, annuale o triennale.

Secondo il presidente del Sima «il sistema dei voucher avrebbe un duplice vantaggio: da un lato fornirebbe ai giovani autonomia e capacità di autogestione della propria salute; dall'altro renderebbe meno rigido il Ssn, adeguando l'offerta sanitaria laddove c'è un'interruzione della copertura sanitaria stessa».

Pubblicato il: 24-11-2016
Di:
FONTE : Istat, Società Italiana Medicina dell'Adolescenza

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.