Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute States, nel 2015 1,7 milioni di interventi di chirurgia este

Lato B (sempre più) protagonista

Dai dati dell'ASPS emerge l'istantanea di un mercato ormai maturo, con aumenti limitati al 2%. Ma con tante eccezioni

3.5 di 5
Lato B (sempre più) protagonista Thinkstock

L’intervento di aumento del seno, la mastoplastica additiva, è sempre il più eseguito, ma nel 2015 registra un calo del 2% rispetto all’anno precedente. Il lato B, invece, mette a segno incrementi del 36% (aumento del volume dei glutei con protesi e lifting dei glutei) e del 28% (aumento con il grasso del paziente stesso). Sono le tendenze più vistose del mercato della bellezza negli Stati Uniti, così come emergono dai dati 2015 diramati dall’American Society of Plastic Surgeons, la più rappresentativa associazione di chirurghi plastici del mondo.

»Dall’analisi dei numeri americani – commenta Giorgio De Santis, presidente della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica SICPRE, unica consociata italiana dell’ASPS – emerge un mercato vicino alla maturità: nel 2015 sono stati eseguiti 1,7 milioni di interventi di chirurgia estetica, con una crescita del 2%. E i trattamenti mini-invasivi, come le infiltrazioni di botulino e filler, hanno raggiunto quota 14,2 milioni, anche in questo caso con un +2% rispetto al 2014». Piccoli incrementi, quindi. Ma ovviamente non mancano le eccezioni.

»Anche in chirurgia plastica – dice ancora De Santis – gli Stati Uniti sono tradizionalmente anticipatori di tendenze. La maggiore attenzione al lato B si inizia a riscontrare anche in Italia, e in modo sempre più marcato, e lo stesso discorso vale per la preferenza accordata ai trattamenti mini-invasivi e, tra quelli chirurgici, alla mastopessi». Il cosiddetto lifting del seno è cresciuto del 7% rispetto al 2014 e addirittura dell’89% rispetto al 2000. »Anche in Italia – secondo De Santis, che rappresenta l’80% dei chirurghi plastici italiani - l’intervento è sempre più richiesto perché grazie al miglioramento delle tecniche operatorie lascia dietro di sé cicatrici poco o per niente visibili e perché permette, anche alle donne non più giovanissime, di sfoggiare un bel decolletée, eliminando la ptosi, cioè il cedimento dei tessuti che si manifesta in modo fisiologico con il passare degli anni».

Tra gli interventi in più forte crescita nel 2015 anche l’addominoplastica (+9%), anche se nel medio periodo (dal 2000 al 2015) il record assoluto spetta al lifting delle braccia, cresciuto addirittura del 4959% in 15 anni. 

Pubblicato il: 26-02-2016
Di:
FONTE : SICPRE

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.