Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Droga a base di anfetamina e teofillina

Cos'è il Captagon, la pasticca dello jihadista

Concepito inizialmente come farmaco per la cura del deficit d'attenzione ed iperattività, della narcolessia e della depressione, è stato messo al bando dall'OMS perché crea dipendenza: i terroristi ne farebbero largo consumo in quanto toglie paura e stanchezza, creando al contempo senso di euforia

3.5 di 5
Cos'è il Captagon, la pasticca dello jihadista Thinstock

Tante se ne sono dette riguardo i terribili attentati che hanno colpito Parigi durante i giorni scorsi, e in cui hanno perso la vita 129 persone, tra cui l'italiana Valeria Solesin. Una delle numerose teorie che circola in questi giorni, pubblicata sul giornale francese Le Point e ripresa dai quotidiani di tutto il mondo, è che nella casa di uno dei terroristi siano state ritrovate tracce di droga e siringhe, per cui gli jihadisti avrebbero agito sotto l'influsso di sostanze stupefacenti volte ad aumentarne il coraggio e dissiparne ogni paura. Tra queste sostanze si è fatto il nome del Captagon, profarmaco a base di fenetillina, composto derivato dal legame tra anfetamina e teofillina, utilizzato solitamente come blando stimolante in caso di deficit dell'attenzione ed iperattività, narcolessia e depressione, prima di essere messo fuori mercato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità perché crea dipendenza.

Nonostante le sue implicazioni mediche, sembra che sia proprio la Siria il principale produttore di Captagon oggigiorno: il motivo sarebbe appunto da attribuire al fatto che abbia trovato ampio consumo tra i gruppi antigovernativi durante la guerra civile, e che ora il suo utilizzo si sarebbe espanso fino ai membri dell'Isis, nonostante sia stata dichiarata illegale. Secondo quanto affermato dallo psichiatra Ramzi Haddad in un'intervista alla Reuters, assumere queste pasticche conferirebbe un senso di euforia e farebbe scomparire paura e fatica: chi ne fa uso non mangia, non dorme, ma non risente di alcun calo di energie.

La pasticca costa tra i 5 e i 20 dollari, e può essere assunta sia oralmente che per iniezione. Il fatto che i fautori della cosiddetta Guerra Santa ne facciano uso non è certo una novità: gli inquirenti ne avevano trovato delle tracce anche nel corpo di Seifeddine Rezgui, il ventiquattrenne terrorista tunisino che ha compiuto un'autentica strage sulla spiaggia di Sousse. Pensare che la sua diffusione, inizialmente, era stata concepita per i party «borghesi» dell'Arabia Saudita: dopodiché, il consumo di Captagon in Medio Oriente è schizzato alle stelle. Il 63% dei sequestri di anfetamine a livello mondiale avvengono proprio in quella zona: solo un mese fa, la polizia aeroportuale di Beirut ha requisito due tonnellate di pasticche su un volo privato di un principe saudita. Secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale delle Dogane, i sequestri di queste sostanze stupefacenti sono passati da 4 a 11 tonnellate nel corso del 2012 e 2013 proprio in Medio Oriente.  

Pubblicato il: 28-11-2019
Di:
FONTE : OMS, Organizzazione Mondiale delle Dogane, Corriere della Sera, Le Point, Reuters

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.