Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Noprofit Eventi per la salute

Un brindisi al gluten free

Si presenta a Milano Tennent's Authentic Export Gluten Free, una birra senza glutine che tutti possono bere: celiaci e intolleranti al glutine compresi e che sostiene un interessante progetto di ricerca del Policlinico di Milano

3.5 di 5

Ci sono tre buone ragioni per fare un brindisi con una buona birra (dal brand storico!) e apprezzarne gusto, serietà e ottime intenzioni. Tutto sarà da stappare in una bottiglia serie limitata che ci riporterà in Scozia ma affonda radici anche in Italia.

La prima ragione: nasce Tennent’s Authentic Export Gluten Free, la birra senza glutine che tutti possono bere: celiaci e intolleranti al glutine compresi. Della serie: non bisogna essere per forza celiaci per apprezzarla. Seconda: lo storico birrificio scozzese Wellpark Brewery di Glasgow, che vanta oltre 400 anni di produzione, lancia sul mercato italiano una bottiglia serie limitata che ha uno scopo benefico: quello di sostenere la ricerca a favore del Centro per la Prevenzione della Malattia Celiaca – Fondazione IRCCS Ca' Granda Policlinico di Milano.

Terza: perché la birra buona è buona. Ed è anche di moda. È un mercato che cresce. E va valorizzato. Della serie: quando le cose sono fatte per bene. Basta mettere queste tre motivazioni nell'ordine preferito e il risultato è un evento dal successo garantito, organizzato martedì 22 settembre, proprio nella Milano da bere, con interessanti spunti, protagonisti, degustazioni da provare. Testare. L'occasione è fra l'altro perfettamente inserita nel calendario della Milano Beer Week e l'appuntamento, presso lo Sloan Pub di Milano, in Piazza Cadorna,  dove viene organizzata una serata interamente dedicata al gluten free un tema molto comune, ormai, che si animerà con gusto attorno allo speciale show cooking dello chef Marcello Ferrarini. Lo chef del Gambero Rosso è infatti pronto a cimentarsi nella sua arte con un menù ad hoc, studiato per degustare la famosa Tennents Authentic Export Gluten Free. Per non celiaci e per intolleranti. Si accettano tutti i palati.

Fra gli ingredienti base della serata c'è dunque un argomento che interessa molti, quello della celiachia: da sviscerare con il dottor Luca Elli del Policlinico di Milano, struttura alla quale è dedicato il progetto di ricerca legato al mondo della celiachia e il suo stato dell’arte. Fra le buone notizie di cui sopra, dunque, quello della donazione:  infatti, dopo due anni di distribuzione in Italia con grande successo della prima birra senza glutine prodotta dalla Casa Scozzese, Tennent’s Authentic Export ha deciso di sposare questo progetto per aiutare ed affrontare la ricerca in ambito molecolare che risulta di fondamentale importanza per la comprensione dei meccanismi alla base della malattia celiaca, che registra nel nostro Paese un costante e preoccupante crescita.

Più del dato la diagnosi: infatti, se è consolidato che oggi in Italia il numero stimato di celiaci sia di oltre 600.000 persone, le diagnosi di intolleranza al glutine non sono precise ma tuttavia sappiamo che esse aumentano del 10% all’anno e quindi si valuta che oggi una persona su 100 lo sia. Questa diagnosi non è facile ma ci sono oggi da potenziare nuovi metodi diagnostici utili a dare un aiuto concreto ai centri specializzati come quello del Policlinico.

Da qui il progetto di ricerca sostenuto da Tennnet’s che ha l'obbiettivo di migliorare la comprensione dei micro RNA non codificanti che regolano l'espressione genica di molte proteine coinvolte nello sviluppo e nel metabolismo cellulare, nella fibrosi e nella funzione immune. Si tratta di un altro passo per realizzare un sogno, trovare una soluzione al problema della celiachia.

«Il progetto che vogliamo ampliare grazie a tale donazione riguarda la individuazione di alcuni marcatori (biomarkers) presenti nel sangue periferico dei celiaci che ci consentano di valutare la presenza di tale disturbo autimmune saltando la biopsia duodenale e la gastroscopia» dichiara Luca Elli. «Questi markers, inoltre, potranno anche darci degli indizi riguardo la prognosi e lo sviluppo di possibili comorbidità».

Il Centro per la Prevenzione e la Diagnosi della Malattia Celiaca del Policlinico di Milano si occupa dei disordini correlati al glutine, principalmente Malattia Celiachia e sensibilità al Glutine. Nel corso della sua storia trentennale il centro ha acquisito una larga esperienza clinica e scientifica nell’ambito di tali disordini ed attualmente segue circa 2500 pazienti. Il centro è inoltre in grado di offrire tecniche di endoscopia avanzata del piccolo intestino (enteroscopia con videocapsula ed enteroscopia con doppio pallone), indispensabili nella gestione dei pazienti difficili. Nel corso degli anni il Centro ha pubblicato oltre 120 lavori scientifici che lo hanno reso uno dei punti cardini della ricerca sulla Malattia Celiaca.

Pubblicato il: 21-09-2015
Di:
FONTE : Ufficio stampa Marco Del Bo, Ufficio stampa Policlinico di Milano

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.