Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Forma fisica Attività fisica e longevità

25 minuti al giorno per rallentare l'invecchiamento

Secondo uno studio tedesco, praticare quotidianamente una moderata attività fisica aiuterebbe ad allungare la vita di ben 7 anni

3.5 di 5
25 minuti al giorno per rallentare l'invecchiamento Thinstock

Muoversi rappresenta una della chiavi fondamentali per poter vivere in salute più a lungo: a confermarlo ancora una volta è la ricerca presentata da un gruppo di scienziati tedeschi al congresso della Società Europea di Cardiologia, svoltosi di recente a Londra.

Lo studio, condotto all'Università di Saarland, ha sottoposto un gruppo di circa 70 persone, tra i 30 e i 60 anni e sedentarie, alla pratica di una attività fisica aerobica continuativa (25 minuti al giorno), unita anche ad allenamenti più intensi. Ciò ha prodotto una serie di miglioramenti riscontrabili attraverso gli esami del sangue. È stato riscontrato un rallentamento del processo di invecchiamento e si è attivato un processo di riparazione del Dna

Non solo l'esercizio fisico moderato può dimezzare il rischio di morte per un attacco di cuore fra i 50-60enni, hanno sottolineato i ricercatori, ma può contribuire ad allungare notevolmente la vita.

In Italia sono in costante crescita i non più giovanissimi che dedicano parte della propria giornata al movimento. In particolare, secondo i dati recentemente diffusi dall’Istat, sono gli ultracinquantenni a riscoprire l’amore per lo sport: ben un milione di connazionali intorno ai 70 anni, contro i 600 mila neomaggiorenni. Se nel 1999, nella fascia di età 55-59 anni, su 100 praticanti, coloro che praticavano attività fisica in maniera continuativa erano il 57,1%, nel 2013 la percentuale è cresciuta fino a raggiungere il 61,9%. Se i numeri indicano una flessione tra la fascia di età dei 60-64 anni (dal 66,5% al 64,7%), ed il dato è stabile (61,7%) tra i 65 e 74 anni, il vero boom è quello che riguarda gli over 75, passati dal 50% nel 1999 al 68,2% nel 2013.

Una tendenza questa, nata sulla scia delle continue campagne di sensibilizzazione promosse dal Governo, dalle Istituzioni e dalle Associazioni di medici ed esperti del settore salute: più movimento a tutte le età, per prevenire le malattie croniche ed assicurarsi salute e benessere anche durante la vecchiaia.

Pubblicato il: 09-09-2015
Di:
FONTE : Istat; Ansa Salute

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.