Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Tuttoscienza Studio scientifico

L'ictus non cambia solo la vita di chi l'ha subito

Il coniuge di chi ha subito un ictus vive con molto stress e dolore anche la propria esistenza

3.67 di 5
L'ictus non cambia solo la vita di chi l'ha subito Thinstock

Sopravvivere a un ictus non è facile: chi ci riesce di solito non riesce mai a recuperare del tutto e il percorso di riabilitazione è lungo e tortuoso, ma anche l’esistenza di chi lo assiste e in particolare del coniuge diventa molto difficile e a risentirne è lo stato di salute generale sia fisico che mentale: lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Stroke e condotto presso l’università di Göteborg.

Gli autori del lavoro di ricerca hanno analizzato i dati relativi a 248 persone, con meno di 70 anni,  che sono sopravvissute a un ictus e hanno raccolto informazioni anche sullo stato di salute, fisica e mentale, dei loro coniugi, nessuno dei quali  colpito da ictus.

I coniugi dei pazienti con ictus hanno evidenziato durante i 7 anni dello studio una restrizione nella vita sociale, non solo nell’immediato dopo ictus, ma anche nel corso del tempo.

Il 16,5% dei pazienti che hanno subito un ictus nel corso dello studio hanno subito un nuovo ictus e i coniugi a causa delle cure prestate,  hanno evidenziato un livello di stress e di decadimento fisico e cognitivo ben superiore al decadimento di coniugi con un compagno che non aveva mai subito ictus.

Lo studio in questione sottolinea come è necessario supportare non solo chi ha subito un ictus, ma anche chi lo assiste, in particolare il coniuge, perché anche se non ha subito un ictus la sua salute fisica e mentale è a forte rischio. 

Pubblicato il: 26-08-2015
Di:
FONTE : HealthDay News

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.