Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Informatica sanitaria

Dove curarsi? La parola ai pazienti

È l'idea di ScegliereSalute, sito che offre la possibilità di trovare medici e centri di riferimento per le varie malattie. Ma con un valore in più: le recensioni dei pazienti/utenti, ovvero le esperienze degli altri

4.57 di 5
Dove curarsi? La parola ai pazienti Thinstock

Notte fonda, un problema di salute e una città sconosciuta senza un medico di riferimento. Che fare? Nasce da questa esperienza reale l’idea di creare un portale di informazione dove trovare medici specialisti, professionisti della salute e centri diagnostici vicino a casa. Si tratta di ScegliereSalute.it, un sito e una app interattivi dove gli utenti possono scegliere da chi e dove farsi curare, lasciando e condividendo una recensione o, semplicemente, leggendo le esperienze degli altri.

L’idea non è nuova: nel 2014 il Ministero della Salute ha lanciato il sito Dovesalute.gov.it, che offre ai cittadini la possibilità di trovare gli Istituti di ricovero e di cura a carattere scientifico più vicini alla loro città. L’innovazione sta nel fatto che su ScegliereSalute.it (che traduce nel nostro Paese un’iniziativa del servizio sanitario inglese) è possibile lasciare una recensione, positiva o negativa, sul singolo reparto o sull’équipe medica e, di conseguenza, scegliere basandosi anche sulle esperienze di altri pazienti.

«Siamo partiti dal punto di vista del paziente e non della struttura sanitaria; per questo nel nostro portale è il cittadino che giudica le strutture - spiega l’ideatore, Giuseppe Lorusso -. Le recensioni sono soggette a una supervisione, ma solo per evitare volgarità e insulti. La struttura non può fare recensioni, ma in futuro i medici avranno diritto (a pagamento) ad un account premium con il quale potranno soltanto aggiungere informazioni utili sul loro ospedale o centro. Le strutture sanitarie, invece, non hanno accesso a questo tipo di profilo e non possono neanche registrarsi come utenti».

Dal sito e dalla app ScegliereSalute.it (disponibile ad oggi solo per android), quindi, si accede a una banca dati completa di medici, professionisti sanitari, ospedali e centri diagnostici, ordinati per categoria, regione e provincia. Registrandosi con il proprio account personale, l’utente è in grado di selezionare la struttura e il reparto di suo interesse, leggere i commenti degli altri utenti, scriverne uno proprio, porre domande alla struttura. Le recensioni sono condivise con gli ospedali interessati e,questi, invitati a interloquire con gli utenti chiarendo dubbi e offrendo informazioni. Inoltre, il portale permette agli utenti registrati di consultare i profili dei medici e di altri professionisti sanitari, di contattarli e di assegnare una preferenza direttamente dal proprio pc o smartphone.

Come è stato possibile realizzare questo progetto? Risponde ancora Lorusso: «Innanzitutto io e il mio socio Angelo Marvulli abbiamo partecipato, vincendolo, al bando «Smart in Start» del Ministero per lo Sviluppo Economico riservato ai residenti nelle Regioni a obiettivo convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia). Abbiamo vinto e i fondi ricevuti ci sono serviti per avviare la start up. Poi, abbiamo dovuto aggiungere di tasca nostra i fondi per la promozione e il lancio del portale, perché il finanziamento ministeriale non può essere utilizzato per scopi commerciali».

Esattamente come i portali di viaggi esistenti oggi, ScegliereSalute.it ha dei canoni di valutazione a cui ogni utente deve attenersi per la propria recensione. In dettaglio, i pazienti si trovano a dare un voto su quattro standard di qualità delle strutture sanitarie: igiene, efficienza, comfort e professionalità. L’affidabilità e la trasparenza del portale dipende dal fatto che gli account sono verificati e le recensioni limitate nel tempo per prevenire abusi. I giudizi sono automaticamente segnalati alla struttura sanitaria che ha la facoltà di pubblicare la propria risposta.

«I dati di base provengono dal sito web del Ministero della Salute; è bastato scaricarli e sottoporli a verifiche e aggiornamenti. Ora che il portale è online, però, è necessario un lavoro continuo di revisione e implementazione della banca dati. In futuro, invece, abbiamo ipotizzato di inserire un punteggio teorico automatico che si baserà sulla quantità di visite/ricoveri effettuati in un determinato ospedale rispetto alla media nazionale. Se la struttura in questione, per esempio, risulta svolgere molti più parti rispetto alla media - conclude Lorusso - è ipotizzabile che sia un luogo affidabile e apprezzato dai pazienti. Ad ogni modo, l’ultima parola resterà agli utenti e alle loro recensioni».

Pubblicato il: 13-05-2015
Di:
FONTE : Dall'ufficio stampa di ScegliereSalute.it, intervista a Giuseppe Lorusso

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.