Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Il dibattito comparso sul British Journal of Sports Medicine

L'esercizio fisico protegge dall'obesità: realtà o mito?

Secondo un editoriale pubblicato da una rivista specializzata, l'attività sportiva non è utile per la perdita di peso: l'unica cosa efficace è una dieta bilanciata. Critiche verso le industrie alimentari, che veicolano il messaggio che l'allenamento compensi i danni di una cattiva alimentazione

3.5 di 5
L'esercizio fisico protegge dall'obesità: realtà o mito? Thinstock

«Io corro sulla strada, molto prima di danzare sotto le luci», diceva il grande Muhammad Ali, probabilmente il boxeur maggiormente iconico mai esistito. Nonostante l'immenso talento che gli è stato riconosciuto da generazioni e generazioni di appassionati, l'atleta Cassius Marcellus Clay Jr. ci teneva a ricordare come sacrifici e duri allenamenti fossero alla base del suo successo, tanto quanto il suo genio sul ring. Oggigiorno sappiamo come l'esercizio fisico sia fondamentale non solo per gli sportivi che vogliono mantenersi su standard di eccellenza, ma per chiunque, in quanto rappresenta una delle chiavi per conservare il nostro organismo in forma e nel pieno delle sue potenzialità.

Sono tantissime le persone che ricorrono alla palestra, alla corsa, all'aerobica per mantenere la linea: ma siamo poi sicuri che funzionino? Se siete tra quelli che pagano da anni per un abbonamento alla sala pesi, o a un corso di pilates, senza vedere risultati tangibili per il vostro fisico sovrappeso, potete anche placare la vostra frustrazione: secondo gli specialisti del British Journal of Sports Medicine, la cosa è assolutamente normale. Perché se è sacrosanto che l'esercizio fisico aiuta a prevenire patologie anche gravi, quali diabete, ipertensione, condizioni cardiovascolari, finanche demenza senile, contro l'obesità nulla può: per quella, l'unica arma utile è la dieta ferrea.

Gli scienziati puntano il dito contro le industrie alimentari, ree a loro dire di alimentare false speranze, illudendo l'uomo medio che l'allenamento possa porre rimedio ai danni di una dieta sbilanciata provoca: sfortunatamente, non è così. «Una persona obesa non ha bisogno di esercizio fisico: deve solo mangiare meno», è l'affermazione di Assem Malhotra, cardiologo londinese che, nell'editoriale, lancia anche un appello al mondo dello sport, affinché si emancipi dalle sponsorizzazioni di industrie del tabacco, delle bevande ad alto contenuto di zuccheri, del cibo spazzatura.

«La mia preoccupazione è che passi il messaggio che si può mangiare tutto quel che si vuole, a patto di fare attività fisica - continua il cardiologo – questa affermazione non solo non ha alcun fondamento scientifico, ma è palesemente errata: non c'è modo di compensare una cattiva dieta». E una cattiva dieta non si vede semplicemente dal conteggio delle calorie, tendenza abusata durante i dibattiti pubblici riguardanti l'obesità, ma soprattutto dalla fonte di quelle calorie.

Ovviamente, l'editoriale in questione non ha mancato di suscitare polemiche: mentre i portavoce della Food and Drink Federation britannica hanno veicolato la propria indignazione, in quanto «l'importanza dell'esercizio fisico non è certo un complotto o una montatura dell'industria alimentare», il più critico riguardo la posizione dell'articolo in questione è risultato essere il professor Mark Baker, del National Institute of Health and Care Excellence. L'esperto, affidando le sue parole alla BBC, ha confermato come una corretta alimentazione va sempre associata ad un'attività di tipo sportivo: «negare l'importanza dell'esercizio fisico – ha affermato Baker – sarebbe idiota». 

Pubblicato il: 24-04-2015
Di:
FONTE : British Journal of Sports Medicine, BBC

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.