Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Tuttoscienza Studio scientifico

Gli oppioidi possono migliorare la dispnea

I pazienti affetti da bronco pneumopatia cronico ostruttiva possono veder migliorare la loro respirazione assumendo particolari farmaci

3.5 di 5
Gli oppioidi possono migliorare la dispnea Thinstock

Secondo uno studio condotto in Svezia e pubblicato online sulla rivista Annals of the American Thoracic Society i pazienti affetti da broncopneumatia cronico ostruttiva (BPCO) possono rimarcare un miglioramento della loro dipnea, ovvero nella loro sensazione di non riuscire a respirare, assumendo farmaci della classe degli oppioidi a basso dosaggio.

I farmaci appartenenti a questa classe agiscono positivamente sulla dispnea, ma non sulla capacità di poter svolgere un esercizio fisico.

I ricercatori sono arrivati a queste conclusioni dopo aver esaminato i risultati di 16 studi sull’argomento, analizzando i dati relativi a 271 pazienti, il 95% dei quali affetti da BPCO in forma grave: gli studiosi hanno paragonato l’effetto degli oppioidi somministrati per via sistemica e per via inalatoria. 

 Dall'analisi è emersa una maggiore efficacia per la somministrazione sistemica anziché inalatoria, ma nessuna delle due vie di somministrazione ha migliorato la capacità di svolgimento di esercizio fisico, ma solo la dispnea; non sono stati registrati effetti collaterali di sorta per la somministrazione di oppioidi a basso dosaggio nella BPCO.

Pubblicato il: 09-04-2015
Di:
FONTE : HealthDay News

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.