Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Cardiologia

Arriva in Italia la Tac rivoluzionaria

Innovativa per la velocità di esecuzione e l'assenza di radiazioni per il paziente, è presente in dieci centri al mondo. Ora anche all'Istituto Monzino di Milano

3.9 di 5
Arriva in Italia la Tac rivoluzionaria Web

È arrivata in Italia una TAC, acronimo di Tomografia Assiale Computerizzata, in grado di acquisire l’immagine in alta definizione dell’intero muscolo cardiaco nel tempo di un solo battito.

Si tratta della Revolution CT, un’apparecchiatura dotata di una tecnologia innovativa che unisce all'eccellente qualità delle immagini, un’altissima velocità di esecuzione e una maggiore sicurezza per il paziente, con radiazioni vicine allo zero. La nuova TAC, giàpresente in dieci centri nel mondo, di cui tre in Europa, è disponibile oggi all'istituto cardiologico Monzino di Milano. 

Gli stent, (retine metalliche che tengono aperti artificialmente i vasi sanguigni) sono una soluzione efficace per prevenire l’infarto; tuttavia, in alcuni casi possono chiudersi. Per evitarlo è importante sottoporsi periodicamente alla coronarografia, un test invasivo che prevede l'inserimento di un catetere esplorativo fino allo stent. Con questa nuova TAC è possibile evitare l'esame grazie a un test che offre una precisione di indagine senza precedenti associata a una bassa esposizione alle radiazioni.

«Questa nuova TAC, presentata ufficialmente circa un anno fa, è stata studiata appositamente per l’applicazione cardiologica - spiega Daniele Andreini, responsabile dell’Unità operativa TAC Cardiovascolare del Monzino -. Introduce tre grandi novità. Innanzitutto, l’esame diventa accessibile a tutti. L’acquisizione in alta definizione dell’intero cuore in un solo battito rende possibile, infatti, l’esame anche per chi soffre di aritmie o per chi non è in grado di trattenere il respiro per il tempo richiesto dalle apparecchiature convenzionali (pazienti con scompenso cardiaco o con alcune patologie polmonari ndr). In secondo luogo, c’è una riduzione drastica delle radiazioni. Dall'introduzione della TAC cardiaca, circa quindici anni fa, è stato fatto molto per rendere l’esame sempre più sicuro, ma ora è possibile eliminarle quasi totalmente. Infine, con questo macchinario si dimezza la dose del mezzo di contrasto, diminuendo i problemi collegati al rischio di ipersensibilità e, soprattutto, l'impatto sulla funzione renale dell’individuo».

La nuova TAC è anche sinonimo di velocità, infatti, con un singolo esame è possibile capire se il paziente ha un restringimento (stenosi) del vaso e se è presente un rischio d’ischemia. In tal senso, la nuova apparecchiatura permette anche una diagnosi rapida in pronto soccorso. «Esclusi i casi di infarto, grazie alla nuova apparecchiatura siamo in grado di capire in fretta se una persona colpita da forti dolori al braccio sta avendo o meno  problemi cardiaci - continua Andreini -. La nuova TAC permette quindi una rapida diagnosi che riduce drasticamente i ricoveri e la permanenza in pronto soccorso. Ovviamente, è sempre a discrezione del medico prescrivere o meno la TAC immediata, o seguire altre strade diagnostiche».

La nuova tecnologia è già a disposizione dei pazienti presso il Monzino di Milano, che si classifica come unico ospedale europeo ad impiegarla ad alto volume clinico. Infatti, anche se le liste di attesa sono già di qualche mese, la media dei pazienti ogni giorno è alta. Conclude Andreini: «Anche se abbiamo iniziato solo giovedì scorso, siamo riusciti a sottoporre alla nuova TAC circa sessanta persone. Al Monzino abbiamo una media di 6.000 TAC all'anno; essendo gli unici a possederla in Italia non possiamo fare l’impossibile. Proprio per questo stiamo organizzando corsi rivolti a medici e personale sanitario per diffondere questa metodica anche in altri centri italiani e europei».

Pubblicato il: 11-03-2015
Di:
FONTE : Dall'ufficio stampa dell'istituto cardiologico Monzino di Milano, intervista a Daniele Andreini

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.