Expo 2015

Expo 2015

Speciale nutrire il Pianeta
Vai allo speciale

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Forma fisica Nuove scoperte scientifiche

Creati negli Usa i primi muscoli in provetta

Questa importante scoperta, che arriva da oltreoceano, permetterebbe - secondo gli esperti - di testare l'efficacia e la sicurezza dei farmaci, senza mettere in pericolo la salute dei pazienti. Approfondiamo insieme tutti i dettagli

3.5 di 5
Creati negli Usa i primi muscoli in provetta Thinstock

Partendo da poche cellule umane – i cosidetti precursori miogenici – un gruppo di ricercatori della Duke University di Durham (Stati Uniti) avrebbe riprodotto in laboratorio muscoli in grado di contrarsi e di rispondere agli stimoli, proprio come quelli che reali. A confermarlo è uno studio pubblicato sulla rivista eLife, e coordinato dagli scienziati Nenad Bursac e Lauran Madden.

Le cellule, fatte replicare più di 1000 volte, sono state trasferite su un'impalcatura tridimensionale associata a un gel nutriente che ha permesso loro di allinearsi e di iniziare a funzionare come fibre muscolari, hanno spiegato gli autori.

E’ stato necessario più di un anno, hanno rivelato i ricercatori, per aggiustare variabili come la densità delle cellule e per ottimizzare il mezzo e la matrice di coltura, per far sì che tutto funzionasse con le cellule muscolari umane. 

«Uno dei nostri obiettivi è utilizzare questo metodo per mettere a disposizione dei pazienti una medicina personalizzata – ha dichiarato Bursac – Possiamo ottenere una biopsia da una paziente, coltivare molti muscoli da utilizzare come campioni, e fare esperimenti per verificare quale farmaco è il migliore per un singolo individuo».

«Ci sono alcune patologie, come per esempio la distrofia muscolare di Duchenne, che rendono la biopsia particolarmente difficile: se riuscissimo ad avere successo anche usando staminali pluripotenti indotte – hanno rivelato i ricercatori -  ci basterebbe un piccolo campione di pelle o di sangue del paziente».

Pubblicato il: 04-03-2015
Di:
FONTE : da uno studio pubblicato sulla rivista eLife, condotto da un gruppo di ricercatori della Duke University di di Durham (Stati Uniti)

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.