Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

L'energy bar del futuro? Sarà a base di insetti

La prima barretta energetica a base di larve, recentemente premiata dall'Accademia svizzera delle scienze tecniche, potrebbe risolvere in parte - secondo gli esperti - il problema della carenza di cibo in un mondo sempre più sovrappopolato

3.5 di 5
L'energy bar del futuro? Sarà a base di insetti Thinstock

Si chiama Stefan Kletternhammer il giovane altoatesino che, insieme con il suo collega Meinrad Koch - entrambi ricercatori presso la Società Svizzera di Scienza e Tecnologia degli Alimenti – avrebbe brevettato la prima energy bar, nell’aspetto molto simile a quelle utilizzate dagli sportivi ed atleti nelle gare, preparata utilizzando larve ed insetti. Un’idea che cerca di dare una soluzione ad un problema sempre più sentito nel mondo: quello di una popolazione sempre più numerosa, e di contro una disponibilità di cibo non sufficiente per sfamare tutti.

«Nel 2050 - spiega durante un’intervista rilasciata all’ANSA Kletternhammer - sul nostro pianeta ci saranno circa 9 miliardi di abitanti. Per nutrirli la produzione agricola dovrà quasi raddoppiare, con pesanti effetti per l'ambiente. Salirà il prezzo di carne e verdure. L'allevamento di insetti è low tech e facilmente realizzabile anche nei Paesi poveri del mondo».

Continua il ricercatore: «La barretta contiene il 23% di proteine, di cui la metà proviene da vermi della farina. Con una sorta di centrifuga dai vermi viene estratto il 95% delle proteine. Alla fine non resta altro che una farina di colore marrone chiaro».

Conclude il giovane altoatesino: «Gli insetti possono avere un sapore eccellente. Tutto dipende dalla preparazione e questo vale per molti cibi».

Il progetto di ricerca di Klettenhammer e Koch ha suscitato grande interesse mediatico. La Neue Zürcher Zeitung e la tv pubblica Srf hanno dedicato ampio spazio alla barretta energetica che, a questo punto, potrebbe addirittura essere commercializzata.

Pubblicato il: 04-03-2015
Di:
FONTE : da un'intervista al ricercatore altoatesino Stefan Kletternhammer, rilasciata all'ANSA

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.