Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Forma fisica Nuove strategie per migliorare la performance

Pianificare il momento del sonno per rendere di più

Secondo uno studio britannico l'orario scelto per coricarsi dagli sportivi influirebbe in modo significativo sui risultati in gara

3 di 5
Pianificare il momento del sonno per rendere di più Thinstock

Tra le regole da rispettare per vincere nello sport rientrerebbe, secondo una scoperta recente, la scelta corretta dell’orario per coricarsi: per affrontare al meglio le gare programmate verso l’ora di pranzo bisognerebbe andare a letto presto, mentre le competizioni a tarda sera sembrerebbero perfette per i nottambuli.

A dimostrarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Current biology, coordinato dal professor Roland Brandstaetter, dell'Università di Birmingham.

La ricerca ha coinvolto 20 giocatrici di hockey, a cui è stato chiesto di cimentarsi in una serie di gare della durata di venti minuti, durante 6 differenti momenti della giornata, compresi tra le 7 del mattino e le 22 di sera. Si è scoperto così che in generale, i migliori risultati si avevano nel tardo pomeriggio.

Successivamente sono stati esaminati separatamente i risultati delle atlete mattiniere, con ritmi regolari, e di quelle nottambule. Questa volta la differenza tra tempi migliori e peggiori, rapportata ai vari momenti della giornata, è stata del 26%. Le mattiniere raggiungevano i migliori risultati alle 12, le nottambule poco prima delle 20, e quelle intermedie verso le 16.

«'Atleti e allenatori trarrebbero grandi benefici – ha commentato il professor Brandstaetter, a capo dello studio - se sapessero quando è il momento ottimale per le loro performance. Basta un 1% per fare la differenza tra un quarto posto e un oro olimpico. La buona notizia è che l'orologio del corpo può essere "aggiustato". Se si è mattinieri e bisogna fare la gara di sera, si è svantaggiati, ma si può correggere il momento del sonno in modo che non sia più sfasato rispetto a quello dalla gara».

Pubblicato il: 04-02-2015
Di:
FONTE : da uno studio pubblicato sulla rivista Current biology

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.