Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Un aiuto per superare l'ansia da prestazione

Calo della libido? Ecco la lista dei cibi afrodisiaci

Durante l'87esimo Congresso Nazionale della Società Italiana di Urologia sono stati elencati gli alimenti che migliorano desiderio e fertilità: sì a ostriche, peperoncino, uova, avena e miele, no a cibi processati e bevande zuccherate

3.8 di 5
Calo della libido? Ecco la lista dei cibi afrodisiaci Thinstock

L'ansia da prestazione è quella condizione per cui la sfiducia, la scarsa considerazione di sé, il timore di non risultare all'altezza di un'aspettativa bloccano l'individuo a livello mentale con ovvie ripercussioni sulla performance. Dal punto di vista fisico l'organismo del diretto interessato non presenta alcun disturbo che possa pregiudicare la buona riuscita di un atto: tuttavia la mente condiziona il corpo, boicottandone le capacità e il potenziale. Sebbene questa condizione possa rovinare qualunque tipo di risultato, applicandosi per esempio anche allo studente che affronta un esame fondamentale o allo sportivo poco prima di una gara importante, l'ansia da prestazione da sempre risulta maggiormente rivolta alla sfera sessuale, laddove le attese sull'uomo si dimostrano più pressanti e gravose.

La preoccupazione di dar luogo ad una performance non adeguata alle aspettative, assieme ovviamente alla vera e propria impotenza, ha sovente rappresentato la ragione del successo di farmaci quali Viagra e Cialis, che aumentando l'afflusso di sangue al pene migliorano l'erezione: ciò nonostante, esistono modi più naturali di far fronte a questo problema, laddove appunto sia dovuto non già ad una condizione fisica vera e propria ma a mancanza di autostima o, magari, calo della libido. L'alimentazione, come spiegato durante l'87esimo Congresso Nazionale della Società Italiana di Urologia, tenutosi in questi giorni a Firenze, gioca infatti un ruolo determinante in questo senso.

Durante l'evento si è parlato appunto dei cibi cosiddetti afrodisiaci, che stimolano l'appetito sessuale. Per alcuni di essi si tratta di conferme scientifiche a quelle che spesso nascono come leggende metropolitane: il peperoncino, ad esempio, che grazie alla capsaicina migliora la circolazione sanguigna nei genitali maschili e la produzione di sperma; o ostriche, cozze e vongole, la cui presenza di zinco coadiuva la funzionalità di ormoni e testosterone. Altri alimenti, invece, rappresentano delle new entry: il miele e l'avena, per citarne un paio, che incrementano la libido grazie al boro, minerale che riattiva la produzione di testosterone, ma anche uova, che con le loro proteine riequilibrano i livelli ormonali, e il cioccolato, che induce la secrezione di serotonina, definito anche come l'ormone del buonumore.

Per accrescere la fertilità innalzando la funzionalità della prostata, è consigliato un buon apporto di vitamina C durante l'arco della giornata: più in generale, maggiore la presenza di antiossidanti nella propria dieta, maggiore sarà la qualità e la motilità degli spermatozoi. Dunque, per i maschietti che presentano desiderio di paternità occorre aggiungere nella propria dieta il pomodoro, ricco di licopene in special modo nella buccia; il pesce, abbondante di omega 3; legumi, broccoli e cavoli, per la presenza di acido folico; ottime anche le noci, per il contenuto di selenio.

Al contrario, per una vita sessuale appagante e una migliore fertilità sono da evitare assolutamente le bevande troppo zuccherate, che peggiorano la circolazione periferica e producono un'alterazione degli spermatozoi; la carne rossa, specie quella processata a livello industriale, a causa degli acidi grassi saturi; per lo stesso motivo da bandire anche i fritti e le merendine; infine occorre moderazione nel consumo di alcolici, che tra gli effetti collaterali plausibili presentano anche l'impossibilità di fare figli, poiché danneggiano cellule deputate alla produzione e alla maturazione degli spermatozoi.  

Pubblicato il: 29-09-2014
Di:
FONTE : 87esimo Congresso Nazionale della Società Italiana di Urologia

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.