Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Sì al seno nudo, ma con buonsenso

Topless, cosa dice il dottore

Attenzione ai raggi solari e ad evitare i traumi da sport: il legamento di Cooper ne potrebbe risentire

3.66 di 5
Topless, cosa dice il dottore Thinstock

Certo non è una novità, il topless in spiaggia, ma ancora suscita commenti, riflessioni e (inutile negare) sguardi. 
I benpensanti arricciano il naso, i progressisti lo interpretano positivamente, come un segno di uguaglianza, i maschi presenti in spiaggia, semplicemente, di solito, apprezzano. Ma cosa dice il dottore? 

«Il topless è promosso, ma con buonsenso - dice Carlo Magliocca, consigliere dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, SICPRE, e chirurgo plastico a Roma -. Sicuramente il seno nudo è un gesto di libertà e come tale a mio parere positivo, ma bisogna ricordare che si espone al sole una parte solitamente non abituata. Obbligatoria quindi la protezione solare, sempre più importante visto il costante aumento dei tumori della pelle». A proposito di buonsenso, è meglio tornare a indossare il reggiseno quando si fa sport. «Spesso si pensa che il seno stia su grazie all’azione dei muscoli pettorali, ma non è così – dice Magliocca -. A conferirgli stabilità è invece il legamento sospensore della mammella, il legamento di Cooper, facilmente esposto a una serie di piccoli traumi durante la vita». 

Nessun problema, invece, nel rinunciare al sostegno del reggiseno per poche ore, come di solito si fa scegliendo il topless in estate. «Indossare il reggiseno è una buona abitudine generale, perché permette di sottrarre il seno dal continuo effetto della forza di gravità, che notoriamente attrae ogni corpo verso il centro della Terra, quindi verso il basso. Ma poche ore non cambiano nulla, ovviamente». 

Invece, reggiseno decisamente sì dopo una mastoplastica additiva, l’intervento di aumento che prevede l’inserimento di protesi di silicone, soprattutto se impiantate dietro la ghiandola (l'alternativa è dietro il muscolo). «Dopo l’intervento – dice ancora Magliocca – è importante dare sostegno alle mammelle, anche per favorire una forma finale il più possibile naturale e garantirne la stabilità nel tempo». 

Pubblicato il: 04-08-2014
Di:
FONTE : A tu per tu con il chirurgo plastico Carlo Magliocca, consigliere dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, SICPRE

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.