Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Luglio piovoso e pericoloso per il nostro umore

Estate piovosa? Occhio alla depressione da maltempo

Secondo lo psichiatra Michele Cucchi il luglio inclemente può indurre cambiamenti nel nostro organismo che scatenano ansia e apatia. Il rimedio? Bere molta acqua e fare sport

4.25 di 5
Estate piovosa? Occhio alla depressione da maltempo Thinstock

Le condizioni climatiche da sempre influenzano, a torto o a ragione, in maniera più o meno profonda, il nostro stato d'animo: si tratta della meteoropatia, insieme di disturbi per lo più psichici ma anche fisici che occorrono quando il tempo non risponde alle nostre speranze ed aspettative. Sebbene sia qualcosa contro cui possiamo ben poco, l'incredibile rialzo della quantità di siti internet e trasmissioni che si occupano di previsioni, direttamente proporzionale all'aumento del numero dei loro fruitori, sta a significare come la tendenza a conferire importanza a questa scienza stia esponenzialmente aumentando.

Consultare il meteo è oramai una consuetudine quotidiana, soprattutto nei periodi di ferie e vacanze: nessuno, men che meno coloro i quali scelgono le spiagge per i pochi giorni di relax, si augura pioggia durante la villeggiatura. Purtroppo, però, le previsioni questa estate hanno regalato ben poche soddisfazioni: puntualmente è sempre seguito tempo avaro di sole, con conseguenze piuttosto catastrofiche a livello ambientale ed economico per le strutture che del turismo fanno la propria fortuna.

Ciò nonostante non sono solo hotel e villaggi a patire: siamo anche noi, frustrati continuamente da ciò che solitamente si ritiene un'entità superiore, perennemente impossibilitati ad avverare i sogni concepiti la sera precedente. Secondo lo psichiatra Michele Cucchi, del Centro Medico Sant'Agostino di Milano, le condizioni inclementi si può tradurre in un aumento considerevole del malessere e malumore, identificato come «stress da cattivo tempo». La possibile conseguenza di un tale disturbo può sfociare in una vera e propria depressione a causa dell'alterazione dei ritmi circadiani ormonali, connessi tra le altre cose a caldo, umidità, raggi solari e pioggia. La stessa apatia che ci colpisce, dunque, di fronte ad un inverno rigido ed interminabile, può affossarci durante queste giornate estive che di estivo hanno ben poco.

Ma secondo gli studi dello stesso dottor Cucchi, grazie ad alcuni accorgimenti si può evitare questa depressione, questa specie di sindrome meteoropatica. I rimedi consisterebbero nel mantenersi il più possibile idratati, per contrastare gli effetti negativi che si ripercuotono sul nostro organismo a causa dei cambiamenti delle condizioni climatiche, e dedicarsi ad un'attività sportiva che ci imponga di abbandonare il giaciglio e mettersi in moto invece che rigirarsi nel letto e crogiolarsi nel rancore. 

Pubblicato il: 30-07-2014
Di:
FONTE : Centro Medico Sant'Agostino di Milano

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.