Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Salute Oncologia

Informazione e prevenzione contro il carcinoma colorettale

A parlarne, oggi a Roma, gli studiosi proveniente da Italia, Stati Uniti e Inghilterra, riuniti per il congresso nazionale dedicato alle novità dal mondo della chirurgia per il trattamento del tumore al colon-retto

4.25 di 5
Informazione e prevenzione contro il carcinoma colorettale Thinstock

Il carcinoma colorettale è un tumore dell’apparato digerente che colpisce circa cinquantamila persone ogni anno. Secondo la Società Italiana di Chirurgia Oncologica, uno dei problemi di questa neoplasia, nonostante oggi presenti un discreto stadio di trattabilità, è che viene diagnosticata in ritardo.
Infatti, il 50 per cento dei pazienti non ne riconosce i sintomi, recandosi dai medici solo quando si trova in uno stadio intermedio della malattia. Questo accade anche a causa delle informazioni fornite dalle strutture sanitarie, spesso discordanti e imprecise.

Ma quali sono i principali fattori scatenanti del tumore al colon-retto? Come spiega Lucio Achille Gaspari professore dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata e promotore del congresso nazionale «Nuovi trend in chirurgia colo-rettale» che si sta svolgendo oggi a Roma, «è dimostrata l'importanza dei fattori costituzionali e genetici nella comparsa di questa tipologia di carcinoma (alta frequenza in alcune popolazioni rispetto ad altre, elevatissima incidenza nelle famiglie con familiarità), come pure della qualità e quantità dei cibi ingeriti. Tra le cause ci sono senza dubbio le alterazioni cromosomiche, che determinano condizioni di ereditarietà e di familiarità delle neoplasie colorettali; così come una alimentazione ricca di carne e povera di verdure e residui vegetali, ma anche la presenza negli alimenti di sostanze ad azione cancerogena».

Gli studiosi italiani, inglesi e americani riuniti oggi a Roma per il congresso nazionale, si stanno confrontando sui principali passi avanti fatti dalla medicina nel trattamento chirurgico del tumore al colon-retto. In dettaglio, «le novità consistono nella microchirurgia trans rettale, che consente di trattare forme iniziali di cancro del retto per via trans anale - spiega il professore - E ancora, l’utilizzo di tecniche mini invasive e robotiche che permettono di affrontare anche casi avanzati senza ampie incisioni dell'addome, con grandi vantaggi estetici e soprattutto funzionali (meno dolore, ricovero più breve, ripresa più rapida della attività lavorativa). Ma la più importante è la possibilità di evitare in modo quasi totale il ricorso all'ano artificiale definitivo».

Per contrastare la comparsa di questa neoplasia, così come per trattarla tempestivamente, è prioritario creare un sistema di prevenzione e informazione corretto e efficiente. Infatti, tenendo conto che l’Italia spende per la sua sanità una frazione di PIL inferiore ai paesi Ocse e Ue, secondo gli studiosi intervenuti, occorre sensibilizzare verso una razionalizzazione della spesa, tagliando le improduttività e aumentando i finanziamenti per i centri di eccellenza oncologici, medici e chirurgici.

Come esattamente? «Le reti oncologiche creano un percorso definito che va dalla prevenzione, alla terapia, sino alla riabilitazione. - spiega Gaspari - Questo percorso prevede standard di eccellenza e meccanismi organizzativi che guidano ed assistono il paziente in ogni fase della cura. Alcune regioni sono ben organizzate, altre lo sono meno. Prevale il fai da te regionale che determina disparità di trattamento tra i cittadini. Attraverso provvedimenti normativi (riforma del titolo V) lo Stato deve riappropriarsi di una forte funzione di guida e di coordinamento; un esempio molto semplice è la onco guida - conclude - realizzata da Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità e Società Italiana di Chirurgia Oncologica, dove ogni cittadino può trovare in rete notizie utili e verificate».
 

Pubblicato il: 08-07-2014
Di:
FONTE : Dall'ufficio stampa del congresso nazionale «Nuovi trend in chirurgia colo-rettale», intervista a Lucio Achille Gaspari

© 2019 sanihelp.it. All rights reserved.