Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Forma fisica Nuove tendenze per la corsa

Arriva il Barefoot: a piedi nudi nel parco

Si sta diffondendo anche in Italia questa disciplina che è un po' uno stile di corsa naturale senza scarpe. Per riappropriarsi del contatto con il terreno e una ricerca dice che fa anche bene

3.5 di 5
Arriva il Barefoot: a piedi nudi nel parco Thinstock

Sono sempre più numerose le persone che decidono di provare un’esperienza nuova tornando alle origini, ovvero iniziando a correre e camminare a piedi nudi. Potrebbe sembrare strano ma la deambulazione a piedi scalzi, per quanto sia stata l’unica possibile in passato, per molti di noi, rappresenta un’assoluta novità, soprattutto oggi quando i bambini iniziano ad indossare calzature già dai primi passi.

Recenti studi hanno dimostrato come indossare abitualmente le scarpe sia fonte di stress per le ginocchia e le anche e, contrariamente, come camminare scalzi diminuisca il rischio di artrite. Paragonando infatti i nostri piedi a quelli degli uomini preistorici si è visto che la salute di questi ultimi era migliore anche a causa dell'assenza di calzature che spesso oggi compromettono la flessibilità e la mobilità del piede.

Non solo camminare, ma anche correre scalzi può essere una buona soluzione per la salute e non a caso il barefoot running sta prendendo sempre più piede.

Una ricerca condotta dall’Università di Harvard e guidata dal Dottor Daniel E. Lieberman, ha analizzato l’evoluzione della corsa con l’introduzione delle scarpe. Per milioni di anni i corridori atterravano senza uno specifico appoggio del piede, ma avendone vari: quello sull’avampiede, sulla pianta del piede e sul tallone. Inoltre è probabile che si atterrasse più frequentemente con la parte centrale del piede rispetto ad oggi e quindi con una minore forza d’impatto e una conseguente diminuzione del tasso di infortuni.  

Lo studio di Lieberman sostiene che utilizzare tutti i tipi di atterraggi - principalmente quello con l’avampiede - induca numerosi benefici tra cui il rinforzo dei muscoli del piede e del polpaccio, e il miglioramento delle postura e della stimolazione di funzioni nervose importanti per l’equilibrio e l’agilità.

L'esperienza può anche essere suggestiva. Da provare in vacanza ed è richiesta. Va da sè che alcune loclità di montagna si stanno attrezzando per ospitare gli amanti della corsa o della camminata a piedi nudi. Per chi vuole provare il barefooting, a Moena, ad esempio esistono già dei suggestivi percorsi a piedi nudi nel bosco.

Pubblicato il: 11-06-2014
Di:
FONTE : Da una ricerca condotta dal professor Daniel E. Lieberman alla facoltà Human Evolutionary Biology dell'università di Harward

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.