Expo 2015

Expo 2015

Speciale nutrire il Pianeta
Vai allo speciale

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Prevenzione a tavola

Voglio un cuore da campione

Ecco le regole d'oro per uno stile di vita a prova di cuore. Dieci consigli giusti degli esperti di Aquasalis e di Fondazione Cardioteam Onlus con dalle note nutrizionali bilanciate della biologa Zone Consultant Maria Assunta Ciacci

3.64 di 5
<
Colesterolo sempre sotto controllo

Colesterolo sempre sotto controllo

I valori ottimali di colesterolo totale nel sangue non devono superare i 190mg/dl per un individuo sano, mentre per i soggetti a rischio cardiovascolare i valori limite sono più bassi e vanno monitorati. Inoltre, i valori ottimali di trigliceridi nel sangue devono essere inferiori ai 150mg/dl. In particolare, il consumo di grassi polinsaturi riduce il rischio di malattie metaboliche: meglio, quindi, evitare alimenti ricchi di grassi animali (burro, formaggi grassi, lardo, carni animali) e olio di palma in favore di cibi contenenti Omega 3, 6 e 9 (pesce azzurro, ed Olio extravergine di oliva, olio di girasole, semi di lino, canapa e girasole), che abbassano il livello del colesterolo cattivo Ldl e rendono più elastiche le arterie. Infine, il colesterolo Ldl deve essere inferiore a 100mg/dl.

Precisa Maria Assunta Ciacci, biologa nutrizionista: Se una dieta come la Zona viene eseguita bene, uno dei risultati importanti per l'attività cardiaca è l'ottimizzazione del rapporto tra i trigliceridi ed il colesterolo buono (Hdl), indice indiretto della presenza o meno di infiammazione silente. Non sono infatti tanto i cibi che contengono colesterolo che debbono essere evitati (es formaggi o uova) quanto quelli che lo fanno sintetizzare dal fegato sotto la spinta dell'insulina e questi non sono i grassi ma i carboidrati ad elevato carico glicemico. In biochimica da nessun grasso deriva un altro grasso.

Per il cuore sono molto importanti gli omega 3, gli acidi grassi polinsaturi essenziali ( li dobbiamo introdurre necessariamente con  l'alimentazione) , non  solo quelli contenuti negli alimenti ( pesci e carni magre), ma anche  la quota che nella moderna nutrizione deve essere introdotta come dimostrato dallo studio Gissi nel 1999.


Pubblicato il: 07-02-2017
Di:
FONTE : Ufficio Stampa Aquasalis Action Agency S.r.l. Silvia Scrofani; https://mariaassuntaciacci.wordpress.com/

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.