Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale

Forma fisica Runningmania

C'è una gran voglia di correre

Enrico Arcelli, presidente scientifico dell'Equipe Enervit ti guida con i suoi consigli alla Milano Marathon di domenica 12 aprile

3.63 di 5
LA TUA PRIMA MARATONA

LA TUA PRIMA MARATONA

Voglio correre! È il titolo dell’ennesimo best seller (Sperling & Kupfer) firmato dal professor Enrico Arcelli, presidente scientifico dell’Equipe Enervit. Conosciuto anche come “Professor Corsa”, Enrico Arcelli è considerato un po’ da tutti, esperti e appassionati di running, una guida spirituale (e tecnica) della Maratona. Domenica 12 aprile si corre quella di Milano. Che si annuncia un successo non solo per la distanza classica ma anche per i numerosi staffettisti al via. Vediamo con lui, attraverso le pagine del suo bellissimo libro, quali consigli indispensabili da memorizzare prima del grande evento di endurance. Prima Maratona prima regola: non soffrire troppo. Se domenica sarà il debutto sulla distanza della vita, sei sei diventato corridore in pochi mesi e hai corso al massimo una mezza, i consigli che avrai dovuto seguire per raggiungere il traguardo dei 42,2 km con successo e senza arrivare a gradi elevati di fatica sono questi. Ci vogliono ad esempio alcuni adattamenti ben precisi dell’organismo attraverso l’allenamento. E riguardano soprattutto l’apparato locomotore. I tendini, i legamenti, le articolazioni e i muscoli, infatti, devono acquisire la capacità di tollerare carichi di lavoro sempre maggiori dal punto di vista quantitativo e al tempo stesso devono essere in grado di smaltire rapidamente gli insulti che derivano dalla corsa. Anche il miglioramento della tecnica della corsa serve. Utilissima a tal proposito l’analisi dei lunghi meglio se fatta con un allenatore in grado di capire quali cambiamenti eventuali apportare nei gesti: così che la corsa oltre ad essere più efficace ed economica diventi via via meno traumatizzante. Ad esempio se diventa più piatta, più aderente al terreno: il bacino si innalza meno le ginocchia rimangono più basse e i piedi sono sempre più vicini a terra.


Pubblicato il: 28-12-2015
Di:
FONTE : Ufficio Stampa Enervit - Equipe Enervit - Sperling&Kupfer

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.