Expo 2015

Expo 2015

Speciale nutrire il Pianeta
Vai allo speciale

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale
Segui con i feed RSS Blog

Armonìa

di Marco Klinger

Blog Chirurgia Plastica La moda dice sì a un fondoschiena ben tornito

Un lato B da serie A

Per aumentarlo si può ricorrere all'impianto di protesi, ma ancor meglio al lipofilling, per risultati più sicuri e naturali

3 di 5
Un lato B da serie A Thinstock

A volte è costituzionalmente, oggettivamente piatto. Altre volte, semplicemente, lo si vorrebbe più tornito e mediterraneo, per dir così. Anche il lato B è soggetto alle mode e non ci sono dubbi che quella attuale (complici modelli come Jennifer Lopez e Rihanna, ma anche la più stilosa Pippa Middleton) imponga un fondoschiena più rotondo.

Aumentano, di conseguenza, le richieste per aumentarlo. A questo scopo, io personalmente sconsiglio di impiantare le protesi, che nel caso dei glutei sono destinate per la loro posizione a reggere buona parte del peso corporeo (per esempio quando si è seduti), e a resistere (pensiamo a una caduta sugli sci, o con i pattini) a traumi di una certa violenza. Per ottenere il risultato con un effetto più naturale e sicuro si può invece ricorrere al lipofilling, autotrapianto di grasso che viene prelevato con una piccola lipoaspirazione dai punti del corpo in cui è naturalmente presente (per esempio l’addome o i fianchi) e quindi viene trasferito dopo essere stato lavorato, in modo da aumentarne le possibilità di attecchimento. Trasferito nei punti che si vogliono aumentare, infatti, il grasso viene vascolarizzato ed entra a far parte dei tessuti.

Il trattamento avviene di solito in anestesia locale e lascia dietro di sé gonfiore e lividi che scompaiono progressivamente in 10-15 giorni. Non sono necessarie medicazioni né cautele particolari, ma bisogna ricordare che non si tratta di un intervento adatto a tutte e a tutti (ogni tanto è anche un desiderio al maschile). Per poter trasferire il proprio grasso, infatti, è necessario poter contare su qualche deposito localizzato. Chi è molto magro è escluso, insomma.

Da notare anche che il 30-40% del grasso trasferito non resiste al trattamento (le cellule del tessuto adiposo sono piuttosto delicate, contrariamente a quanto si pensa) e pertanto viene naturalmente eliminato dall’organismo nel giro di pochi mesi. 

Pubblicato il: 02-12-2015
Di:
FONTE : Marco Klinger

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.

Gli ultimi articoli del blog:
17-ott BRA Day, perché è importante ricostruire
Medicina e chirurgia estetica: l'unione fa la bellezza 27-set Medicina e chirurgia estetica: l'unione fa la bellezza
Aumentare il seno: meglio il grasso o le protesi? 21-set Aumentare il seno: meglio il grasso o le protesi?
25-mag Alimentare il Benessere, anche con la chirurgia plastica

Vedi tutti gli articoli


Segui con i feed RSS Segui il blog con i feed RSS