Expo 2015

Expo 2015

Speciale nutrire il Pianeta
Vai allo speciale

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale
Segui con i feed RSS Blog

Cibus

di Riccardo Cominardi

Blog cibus Antipasto

Carpaccio di gamberi con burrata, pomodorini e patè di olive

Un piatto che sembra un quadro, e che permette di gustare i gamberi in un modo alternativo e sfizioso. Da provare!

3.5 di 5

I gamberi sono sicuramente buoni cotti nella pastella in tempura e poi fritti, oppure saltati in padella con aromi vari, ma quando consumati crudi è possibile apprezzarne al meglio il gusto.
In questo piatto ho assemblato come in un quadro tutti i colori ed i profumi delle nostre terre, partendo dalla Liguria con un battuto di olive taggiasche che conferisce sapidità, alla Puglia con la burrata, che dona morbidezza e cremosità, alla Sicilia con i pomodorini, fino al Piemonte grazie alle nocciole. Tanti ingredienti, dosati con sapienza, che decorano e arricchiscono il gambero di Sanremo, protagonista del piatto, e regalano ad ogni boccone un'emozione da ricordare.

Ingredienti per 4 persone:
16 gamberi Argentina sgusciati
1/2 burrata
10 olive taggiasche denocciolate

un ciuffo di aneto
10 punte di asparagi cotte a vapore
10 pistacchi tritati
scorza di lime grattugiata
olio extravergine d’oliva
Per i pomodori confit
12 pomodorini ciliegino
un ciuffo di rosmarino
un ciuffo di timo
sale e pepe q.b.
un pizzico di zucchero
olio extravergine d’oliva

Procedimento:
Mettere i pomodori in una pirofila ricoperta di carta forno e condire con tutti gli ingredienti. Infornare per 1 ora a 100 gradi.
Pulire i gamberi dal cordone centrale e metterli tra due fogli di pellicola in gruppo da 4. Batterli con un batticarne, eliminare la pellicola e adagiare i dischi di gamberi in 4 piatti.
Affettare le punte di asparagi nel senso della lunghezza. Frullare le olive con 6 cucchiai d'olio e pepe.
Condire con tutti gli ingredienti a piacere.

Occhio alla salute:

I gamberi sono anche ricchi di sodio, ferro, potassio, fosforo e calcio. Questo crostacei apportano modeste quantità di energia, la maggior parte della quale proviene da proteine ad alto valore biologico. Sono presenti anche pochi grassi e una quantità elevata di colesterolo. Si prestano a varie preparazioni in cucina, e possono provocare reazioni allergiche nei soggetti sensibili.
 

Pubblicato il: 22-07-2015
Di:
FONTE : Chef Riccardo Cominardi www.cookingfood.it

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.

Gli ultimi articoli del blog:
Gunkan di salmone 16-dic Gunkan di salmone
Semifreddo rapido ai mirtilli con salsa al tè verde 02-dic Semifreddo rapido ai mirtilli con salsa al tè verde
Calamari con crema di piselli, patate violette e pistacchi 11-nov Calamari con crema di piselli, patate violette e pistacchi
Tagliolino di zucchine allo zafferano con scaloppa d'orata 28-ott Tagliolino di zucchine allo zafferano con scaloppa d'orata

Vedi tutti gli articoli


Segui con i feed RSS Segui il blog con i feed RSS