Expo 2015

Expo 2015

Speciale nutrire il Pianeta
Vai allo speciale

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale
Segui con i feed RSS Blog

Beauty

di Roby e Alberta

Blog BeautyTips capelli

Alla (disperata) ricerca del liscio

Mettere ordine in un capello mosso richiede disciplina. E l'utilizzo sapiente di uno strumento prezioso come la piastra.

3.5 di 5
Alla (disperata) ricerca del liscio Thinstock

Trovatemi una donna, una sola che sia contenta dei suoi capelli. Missione impossibile come conferma un dato divertente che ho letto di recente: il mattino il 41% delle donne dedica più tempo a sistemarsi la chioma che a far colazione!

Non faccio eccezione, ma devo dire che la bacchetta magica mi piacerebbe averla per cambiare altre cose di me, non certo i capelli. Che però non sono proprio come li vorrei visto che non sono ricci e non sono lisci, ma di quel mosso che con un paio di millimetri in più diventa ingestibile. Non nego poi che da sempre per me liscio è sinonimo di eleganza per cui la piastra resta una continua tentazione.

La paura che rovini i capelli però c’è ed è per questo che ho pensato di chiedere consiglio sul suo utilizzo a un guru in materia: Paolo Roman, hair stylist e teacher per Evos Parrucchieri. Innanzitutto attenzione al momento dell’acquisto, mi ha detto; visto che la mia vecchia piastra perde colpi all’accensione, Paolo mi ha consigliato di investire in un modello in titanio o ceramica, due materiali che, oltre a rilasciare ioni negativi ad effetto antistatico, toccasana contro il crespo, rispettano la fibra capillare, anche quella sottile e particolarmente fragile come la mia.

Meglio indirizzarsi poi su una piastra di forma arrotondata che si «muove» meglio tra le mani e permette oltre al liscio anche di ottenere le onde che di tanto in tanto mi piace fare per accentuare il mosso naturale della mia chioma.

Il consiglio dell’esperto è poi quello di utilizzare sempre la piastra dopo aver applicato un prodotto protettore; la BB Cream Adorable della linea Oro del Deserto di Creattiva Professional (in salone costa 23 euro) è perfetta, ad esempio: si vaporizza in un attimo sulle lunghezze in modo da creare una sottile pellicola invisibile che isola dal calore. Per di più questo delicato prodotto a base di prezioso olio di argan illumina e ammorbidisce, senza appesantire anche le chiome più sottili.

A questo punto via di piastra. Paolo mi ha suggerito di dividere i capelli in sette, otto sezioni tenendoli separati con una pinza, di spazzolare bene ogni ciocca in modo che non ci siano nodi e di passare la piastra una, due volte, non di più però altrimenti il rischio di rovinare la testa c’è. Naturalmente più la fibra è spessa e robusta, più alta si può tenere la temperatura; viceversa quando i capelli sono fini e magari anche un po’ deboli meglio abbassare i gradi (fino a 170) in modo da non correre rischi.

Tenendo sempre ben presente che la piastra è oggetto di utilizzo saltuario: potete metterla all’azione nelle grandi occasioni e nelle giornate no quando avete bisogno di vedervi diverse, ma mai e poi mai con quotidiana regolarità perché le chiome, anche le più robuste, non sopportano tanto calore continuo. 

Pubblicato il: 23-12-2014
Di:
FONTE :

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.

Iscriviti alla newsletter di Beauty Tips
Gli ultimi articoli del blog:
A Natale tutte principesse: coloriamoci di rosa 23-dic A Natale tutte principesse: coloriamoci di rosa
Le “belle” ragioni di un libro 16-dic Le “belle” ragioni di un libro
Occhi puntati sul sorriso 09-dic Occhi puntati sul sorriso
C'è profumo di profumo nell'aria 02-dic C'è profumo di profumo nell'aria

Vedi tutti gli articoli


Segui con i feed RSS Segui il blog con i feed RSS