Expo 2015

Expo 2015

Speciale nutrire il Pianeta
Vai allo speciale

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale
Segui con i feed RSS Blog

Dieta

di Antonio Lice

Blog dieta Una volta le cose andavano diversamente.

Oggi, un po' di sana fantapreistoria...

Facciamo un piccolo sforzo di immaginazione: cosa sarebbe successo ad un nostro avo, investito improvvisamente dal progresso?

3.25 di 5
Oggi, un po' di sana fantapreistoria... Thinstock

Carissimi amici, ci eravamo lasciati, settimana scorsa, con l’intenzione di riprendere il discorso sull’alimentazione che avevamo introdotto in maniera piuttosto singolare partendo dalla minima differenza tra il nostro DNA e quello del nostro più vicino parente nel regno animale: lo scimpanzè. Questa volta però faremo qualcosa di ancor più singolare: cercheremo di figurarci un filmato che, se l’esperimento dovesse funzionare, dovrebbe darci una mano a comprendere meglio quello che cercavo di trasmettervi sette giorni fa. Spegniamo tutte le luci in sala e partiamo con la proiezione.

Ci troviamo in un piccolo spiazzo all’interno di una radura. Un uomo, che potrebbe essere la paleoversione di chiunque di noi, giunge recando in spalla una gazzella, abbattuta dopo averla rincorsa a lungo, prendendola per sfinimento oltre che a sassate. Si presenta forte e vigoroso, senza un filo di grasso ed anche bello abbronzatino. Anzi, grazie all'analisi del Dna dei resti di un individuo vissuto nel Mesolitico in Spagna, possiamo con certezza immaginarcelo bello scuro e, incredibile a dirsi, con gli occhi azzurri. Un mix di tutto rispetto, converrete con me. La natura l’ha selezionato per competere contro le avversità ed è grazie a questo che anche oggi lui e la sua famiglia potranno sopravvivere.

Bene, adesso immaginiamo che nottetempo faccia la sua bella comparsa nella radura un frigorifero, strabordante di tutto il ben di Dio che racchiudono i frigoriferi medi del giorno d’oggi e con la peculiarità di riempirsi da solo, che poi, praticamente, è ciò che capita a noi in termini di fatica fisica compiuta per provvedere al suo riempimento.

Domanda: come pensate che si riduca quell’uomo così forte e vigoroso nel giro di pochi mesi?

Bene: è quello che succede a noi, né più né meno, vista l’impalpabile differenza dal punto di vista evolutivo che c’è tra una notte e una cinquantina d’anni, ovvero il tempo durante il quale l’alimentazione ha subito più cambiamenti di quelli occorsi in tutto il processo evolutivo avvenuto fino ad allora.

Morale della favola? Che questa non è una favola: se provassimo a mangiare più sano e facessimo più moto potremmo davvero tornare ad essere come eravamo una decina di migliaia di anni fa. No, sciocchini, non belli abbronzati e con gli occhi azzurri (piacerebbe eh? Non so a voi, ma a me sì) bensì con addosso meno grasso e indiscutibilmente più prestanti.

Bene, settimana prossima chiuderemo il cerchio, intanto riguardatevi il film nella versione integrale, che mostra anche la compagna del maschio di prima, anch’essa bella tonica e in smagliante forma fisica (e te credo, con tutti quei chilometri per raccogliere roba in giro…)

Buona visione e alla prossima

Dr Lice

www.antoniolice.it

Pubblicato il: 27-11-2014
Di:
FONTE : -

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.

Gli ultimi articoli del blog:
Qui una volta era tutta campagna. 18-nov Qui una volta era tutta campagna.
Una pallottola spuntata o, meglio, da spuntare 04-nov Una pallottola spuntata o, meglio, da spuntare
Il mondo è andato avanti. A volte bene. 21-ott Il mondo è andato avanti. A volte bene.
Il libretto delle istruzioni mancante. 07-ott Il libretto delle istruzioni mancante.

Vedi tutti gli articoli


Segui con i feed RSS Segui il blog con i feed RSS