Sondaggio

Sondaggio

La scelta vegetariana: perché lo fai?
Vota

Terme di Comano

Comano: valle della salute
Vai allo speciale
Segui con i feed RSS Blog

Armonìa

di Marco Klinger

Uomini con il seno? Si può intervenire

La ginecomastia è un inestetismo sempre più diffuso, a causa di sovrappeso e alimentazione ricca di ormoni. Ma la chirurgia è risolutiva

3.5 di 5
Uomini con il seno? Si può intervenire Thinstock

Lo apprezziamo nelle donne, ci fa orrore sugli uomini. La ginecomastia, ovvero la comparsa del «seno» nel maschio, è sempre più diffusa e sempre più… combattuta. Perché, pare, se si può accettare un filo di pancia, o un rotolino sui fianchi, avere l’equivalente di una seconda o di una terza è considerato un difetto senza appello, senza estimatori.

Ecco perché la riduzione della ginecomastia, così si chiama l’intervento, è uno dei ritocchi più richiesti. A sollevare il problema e cercare la soluzione sono soprattutto le fasce più giovani, peraltro quelle in cui questo inestetismo tende ad essere più presente, anzi presente come mai nel passato.

Perché questa variazione? Le cause non sono ancora note con certezza, ma le ipotesi si concentrano sullo stile di vita, con una maggiore incidenza del sovrappeso, e soprattuto sull’alimentazione, spesso ricca di ormoni e altre sostanze probabilmente in grado di interagire con lo sviluppo della ghiandola mammaria.

Quando l’inestetismo non scompare con la dieta, cioè quasi sempre, l’unica possibilità è quella di ricorrere alla chirurgia, con due alternative. Quando l’ingrossamento della regione pettorale è data da un accumulo adiposo, si può eseguire una piccola lipoaspirazione, praticando incisioni di pochi mm per inserire la cannula aspirante.

Nei casi in cui al deposito di grasso si associa un aumento della ghiandola mammaria, è necessario provvedere a ridurla. Si fa asportandone una parte, grazie a un’incisione nella parte inferiore dell’areola. L’intervento avviene di solito in anestesia locale e lascia cicatrici tendenzialmente poco o per niente visibili. Dopo 7-10 giorni, i segni lasciati dall’intervento sono quasi completamente scomparsi e… il seno non c’è più. 

Pubblicato il: 12-11-2014
Di:
FONTE : Marco Klinger

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.

Gli ultimi articoli del blog:
17-ott BRA Day, perché è importante ricostruire
Medicina e chirurgia estetica: l'unione fa la bellezza 27-set Medicina e chirurgia estetica: l'unione fa la bellezza
Aumentare il seno: meglio il grasso o le protesi? 21-set Aumentare il seno: meglio il grasso o le protesi?
25-mag Alimentare il Benessere, anche con la chirurgia plastica

Vedi tutti gli articoli


Segui con i feed RSS Segui il blog con i feed RSS